Matteo Lepore proclamato sindaco di Bologna e della Città metropolitana

Entro 60 giorni le elezioni del nuovo Consiglio metropolitano. Pubblicato il report sulle amministrative del 3-4 ottobre

Facciata di palazzo Malvezzi
 

Lunedì 11 ottobre, alle ore 11, Matteo Lepore è stato proclamato Sindaco di Bologna, in seguito alla conclusione delle operazioni di verifica e accertamento dei risultati elettorali. Contestualmente – come previsto dalla legge – Lepore diventa anche sindaco della Città metropolitana.

Il Sindaco eletto convocherà, entro 10 giorni dalla proclamazione, la prima seduta del Consiglio Comunale di Bologna da tenersi entro i successivi 10 giorni. In quella occasione si procederà alla convalida degli eletti, alle elezioni del Presidente e del Vice Presidente del Consiglio Comunale, al giuramento del Sindaco e alla comunicazione dei membri di Giunta.

Entro 60 giorni si svolgeranno invece le elezioni del nuovo Consiglio metropolitano. Si tratta di elezioni di secondo grado nelle quali saranno chiamati al voto Sindaci e Consiglieri comunali dei 55 comuni della città metropolitana.
 

LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI IN PILLOLE

Le elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021 hanno interessato 6 comuni dei 55 presenti (pari al 10,9% del totale), coinvolgendo una popolazione complessiva pari a 440.298 individui, corrispondenti al 43,98% della popolazione metropolitana (popolazione al 01/01/2020). In termini di popolazione sono stati coinvolti rispettivamente il comune più grande, Bologna (395.416 abitanti) e il più piccolo, Castel del Rio (1.213 abitanti), del territorio metropolitano.  Ha votato complessivamente il 51,89% dei 342.870 aventi diritto, in netto calo rispetto al 2016 (60,08%); l’affluenza maggiore si è registrata a San Giovanni in Persiceto con il 60,98%, quella minore a Gaggio Montano dove si è recato a votare il 49,82% degli elettori. La distribuzione di genere dei sindaci eletti vede assottigliarsi la componente femminile: dei sei sindaci eletti uno solo è donna (il 16,6%), con una riduzione del 50% rispetto al mandato precedente (dove i sindaci donna erano due). Per quanto riguarda il numero di mandati, sono due i neosindaci eletti (33,3%) e quattro quelli riconfermati (66,7%), di cui uno al terzo mandato amministrativo. Nei comuni minori (meno di 15.000 abitanti) le competizioni elettorali con almeno due candidati (a Gaggio Montano era presente un unico candidato) hanno visto prevalere il candidato eletto con percentuali sempre superiori al 77% delle preferenze. Il sindaco più votato è Barbara Panzacchi a Monghidoro con l’82,53% delle preferenze. In termini di appartenenza politica nessuna amministrazione ha cambiato "colore" politico: gli schieramenti riconducibili all’area di centro sinistra si affermano in quattro dei sei Comuni al voto mentre quelli afferenti all’area di centro destra in due.  La colorazione politica delle amministrazioni comunali  della Città metropolitana di Bologna vede ad oggi la presenza di 43 amministrazioni locali riconducibili allo schieramento di centro sinistra, 6 riconducibili al centro destra, 6 sostenute da liste civiche e nessuna guidata dal Movimento 5 Stelle.

Riepilogo dei risultati elettorali nei comuni della città metropolitana di Bologna(2544 KB)

Immagine in formato JpegMappa colore politico amministrazioni 2021(473 KB)

 

 
 
Data di pubblicazione: 11-10-2021
Data ultimo aggiornamento: 18-10-2021
 
 
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della Città metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy