Bologna,solidali con gli Empori e le Cucine Popolari

Al via un crowfunding su Idea Ginger per aiutare questi servizi a rifornirsi di cibo e beni di prima necessità da distribuire alle famiglie più fragili


Gli Empori Solidali del Comune di Bologna e le Cucine Popolari continuano a garantire cibo e beni di prima necessità a tante persone in difficoltà nonostante l’emergenza sanitaria in corso.
Oggi è diventato più difficile rifornirsi del cibo e degli approvvigionamenti per garantire l’aiuto necessario alle famiglie più fragili. Molte aziende partner sono chiuse o hanno ridotto la propria attività con una inevitabile contrazione delle donazioni. Inoltre, le due grandi campagne di raccolta alimentare, previste per febbraio e marzo, sono state rinviate.
Parallelamente sono aumentate le famiglie che hanno necessità di questi servizi.
Gli Empori Solidali, dal mese di aprile, vedranno raddoppiare il numero delle famiglie che usufruiscono del servizio: da 200 cresceranno a 380, per un totale complessivo di 1400 cittadini.
Le Cucine Popolari da parte loro, pur avendo dovuto chiudere i propri locali al pubblico, hanno scelto di proseguire la propria attività distribuendo pasti da asporto, riuscendo così a garantire ogni giorno il pranzo a oltre 280 persone.
Per questo motivo gli Empori e le Cucine Popolari lanciano una raccolta fondi per aiutarli ad affrontare e superare l’emergenza legata al coronavirus e a continuare a svolgere il loro prezioso servizio.
I contributi raccolti serviranno ai volontari dell’associazione Pane e solidarietà onlus per acquistare prodotti di prima necessità e cibo per gli Empori e le Cucine Popolari presso i punti vendita Coop Alleanza 3.0, che a sua volta contribuirà al progetto applicando uno sconto sulla spesa.

Ecco come donare
Le donazioni si raccolgono tramite la piattaforma Idea Ginger al link:
www.ideaginger.it/progetti/solidali-a-bologna-con-gli-empori-e-le-cucine-popolari.html

Persone fisiche, enti o società che donano possono usufruire delle detrazioni e deduzioni previste dall’articolo 83 del Dlgs 117/2017.

Cosa sono gli Empori Solidali e le Cucine Popolari

Gli Empori Solidali di Case Zanardi a Bologna, aperti tra il 2014 e il 2016, nascono per affrontare le nuove forme di povertà prodotte dalla crisi esplosa più di 10 anni fa.
Hanno origine nell’ambito del Progetto Case Zanardi promosso dall’Istituzione per l’inclusione sociale e comunitaria “Achille Ardigò e don Paolo Serra Zanetti” del Comune di Bologna; sono co-gestiti con l’Associazione Pane e Solidarietà e dal Coordinamento Volontariato Lame CVL e si occupano del reperimento, ritiro, stoccaggio e distribuzione di generi di prima necessità, alimentari e non.
Fin dall’inizio a fianco degli Empori Solidali nascono spazi solidali, corsi di alfabetizzazione alla lingua italiana, laboratori di informazione, formazione, orientamento, tirocini e inserimenti lavorativi.
Nei tre“negozi” aperti a Bologna, in via Capo di Lucca, via Abba e via della Beverara, un gruppo di volontari accoglie 200 famiglie con bambini residenti a Bologna quattro volte a settimana. Sono famiglie che provano a uscire dalla loro condizione di povertà con il supporto dei Servizi Sociali Territoriali.
Gli Empori Solidali sono di fatto luoghi di distribuzione dove famiglie in stato di bisogno con una situazione di fragilità lavorativa, abitativa e sociale possono prendere prodotti alimentari a lunga conservazione, prodotti per l’igiene della casa e la cura della persona, a titolo gratuito.

Le Cucine Popolari sono delle mense solidali, la prima inaugurata a luglio 2015, nate dalla volontà di Roberto Morgantini e dell’associazione Civibo, fondata da Auser Volontariato Bologna e Fondazione Duemila proprio con l’obiettivo di gestire e promuovere questo progetto, interamente portato avanti da volontari.
Oggi, a cinque anni dalla loro nascita, le Cucine Popolari contano complessivamente tre sedi cittadine - in via del Battiferro, via Giovanni Antonio Sacco e via Lodovico Berti - dove vengono preparati 250 pasti al giorno (circa 60mila all'anno), cucinati da cuochi-volontari con ingredienti e prodotti donati da imprese, mense scolastiche, Banco Alimentare e supermercati.
Le Cucine Popolari accolgono persone inviate dai Servizi sociali e dalle parrocchie del territorio, ma anche abitanti del quartiere, perlopiù anziani, che preferiscono mangiare in compagnia, e cittadini, amici, operatori, che possono andare a mangiare liberamente insieme agli ospiti, in cambio di una libera donazione. Le Cucine popolari, infatti, non sono solo un punto di riferimento per chi necessita di un pasto, ma anche un luogo di incontro, scambio e relazioni sociali. Complessivamente sono 180 i volontari coinvolti, impegnati in cucina, in sala e nelle attività di gestione del progetto.

 
 
Data di pubblicazione: 30-03-2020
Data ultimo aggiornamento: 30-03-2020
 

A cura di Ufficio stampa

 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy