Festival della Cultura tecnica: è in corso la IV edizione, in programma oltre 70 eventi

Obiettivo promuovere la cultura tecnica, intesa anche come strumento di innovazione sociale

logo
 

Si è aperta venerdì 13 ottobre a Bologna la quarta edizione del Festival della Cultura tecnica, con più di 70 appuntamenti in programma fino a lunedì 18 dicembre. La manifestazione prosegue il proprio impegno per promuovere il valore della cultura tecnica e scientifica, intesa anche come possibile motore per l’innovazione sociale. L’edizione 2017 del Festival intende valorizzare, tra le altre cose, i modi attraverso cui le competenze tecniche e scientifiche, in particolare dei giovani, possono contribuire alla crescita, favorendo il dialogo e l'inclusione, contrastando gli stereotipi e le discriminazioni, migliorando la vita delle comunità.
L’iniziativa, voluta da Comune e Città metropolitana di Bologna, da quest’anno si inserisce nella programmazione del PON Città metropolitane Asse 3 “Inclusione sociale”.

Il programma
Per 10 settimane si alterneranno iniziative per insegnanti, operatori dei servizi e imprese a tanti momenti di divulgazione e intrattenimento per bambini e ragazzi di tutte le età, per avvicinare i giovani e le loro famiglie alle discipline tecniche e scientifiche (come l’elettronica, l’informatica, la meteorologia, l’astronomia, l’agraria, la fisica ecc.) attraverso conferenze, laboratori interattivi e incontri che illustrano gli sbocchi occupazionali di questi percorsi formativi.
Sono circa 70 le iniziative distribuite su tutto il territorio metropolitano, per la maggior parte a ingresso libero. Il programma completo e le modalità di partecipazione ai vari eventi possono essere seguiti sul sito www.festivalculturatecnica.it

Tornano nel 2017 due “classici” del Festival, dedicati rispettivamente al tema degli stereotipi di genere legati alla cultura tecnica e al raccordo tra l’istruzione tecnico-professionale e il mondo dell'innovazione e della ricerca.
Si terrà martedì 21 novembre l’incontro “Un anno dopo… sono (ancora) cose da maschi?”, organizzato dalla Città metropolitana di Bologna, IRS Istituto per la Ricerca Sociale e Gender Community: gruppi di studenti maschi di istituti tecnici, istituti professionali e centri di formazione professionale presenteranno i risultati dei progetti contro stereotipi e violenza di genere a cui hanno lavorato in questo anno, accompagnati dalle organizzazioni che li hanno “adottati”. Obiettivo dell’evento è diffondere tra scuole, imprese e istituzioni i modelli di intervento da loro elaborati, affinché molti altri studenti, anche più giovani, possano confrontarsi in modo attivo e concreto con queste tematiche.
Lunedì 18 dicembre, negli spazi di SalaBorsa e Urban Center, si svolgerà “Innetworking – Il networking per le scuole che innovano”, promosso da Aster – Area S3 in collaborazione con la Città metropolitana di Bologna: le scuole incontreranno la comunità degli innovatori dell’Emilia-Romagna per confrontarsi su traiettorie di sviluppo e competenze a sostegno della competitività del territorio, consolidando un approccio all’innovazione basato su dinamiche collettive e continuative.
Sarà Palazzo d’Accursio a ospitare venerdì 10 novembre il convegno “Cultura tecnica per l’innovazione sociale” organizzato dal Comune di Bologna in collaborazione con la Città metropolitana. L’incontro sarà l’occasione per confrontarsi su come e a che condizioni tecnologia e scienza, ma anche le persone, in special modo i giovani, possano essere strumenti di integrazione, coesione, crescita delle comunità e superamento delle discriminazioni.

Particolare spazio inoltre agli eventi territoriali del Festival: sono 20 le iniziative realizzate nei diversi Comuni metropolitani, che esprimono il know-how e la creatività delle comunità locali.

 
 

A cura di Ufficio stampa

Data ultimo aggiornamento: 25-10-2017