Barbarossa 2017. Dal 15 al 17 settembre l’imperatore torna a Medicina fra feste e giochi

L'ingresso alla manifestazione è gratuita

Foto Proloco di Medicina
 

Dal 15 al 17 settembre l’Imperatore Barbarossa torna a Medicina accolto da spettacoli, musica, competizioni e tanto divertimento.
La festa del Barbarossa, giunta alla 27° edizione, rievoca la leggenda secondo la quale l’imperatore Federico I Hohenstaufen detto il Barbarossa, ammalatosi di passaggio in queste terre, guarì grazie a un brodo in cui era caduta una serpe ribattezzando per questo motivo la Città, per l’appunto, Medicina.
L’ingresso alla manifestazione è gratuito.
La festa inizia già il fine settimana dell’8 e 9 settembre a Villa Fontana con la due giorni di festa “In attesa dell’Imperatore”. Venerdì 8 settembre la festa prenderà il via alle 19 con l’apertura dello stand gastronomico, a seguire letture animate di Kizè Teatro e spettacolo dei Musici del Barbarossa con gli allievi della Scuola di Musica Medardo Mascagni. Sabato 9 settembre, alle 18, è previsto l’arrivo dell’Imperatore Barbarossa presso il cortile parrocchiale dove si formerà il corteo per poi raggiungere vari punti del “villaggio” di Villa Fontana. Alle 19 si apre lo stand gastronomico e il campo degli Armigeri con duello delle Spade infuocate, cena dell’Imperatore, danzatrici medioevali, streghe e Palio dei Bambini.

A Portonovo, l’Associazione Pro Portonovi’s organizza, sabato 16 settembre dalle ore 18.00, il lancio del dardo che consegna al Castello di Medicina le terre del Novo Porto. Cena a tema con le musiche del gruppo “Green Land Trio”.

Venerdì 15 la Festa entra nel vivo con l’arrivo in città dell’Imperatore Barbarossa. Durante la notte ci sarà la storica “Caursa dal Dog e Trì”. Gli atleti delle Torri, che si contenderanno il Palio della Serpe, cercheranno di battere i quindici rintocchi dell’orologio della Torre civica sfidandosi lungo i 197,8 metri di viale Oberdan tentando di tagliare il traguardo prima dell’ultimo tocco di campana, come tradizione vuole.
La notte tra il venerdì e il sabato sarà la “Lunga notte dell’Imperatore”, la festa proseguirà per le vie del centro con la Notte Bianca.
Sabato 16 settembre (apertura festa ore 17.30) la Città sarà tutta un brulicare di spettacoli, musiche e artisti. Alle 20.50, l’Imperatore Barbarossa siederà alle tavole del banchetto imperiale imbandito in suo onore in piazza Costa.
Domenica 17 settembre
La Festa riprende alle ore 10.00 con il concerto dei gruppi strumentali della Scuola di Musica Medardo Mascagni per poi proseguire tutto il giorno con spettacoli, musica, gastronomia, fino alle ore 18.15, quando le Torri si sfideranno per conquistare il Palio della Serpe.
La festa proseguirà fino alle 22.30, quando l’imperatore Barbarossa saluterà Medicina per farvi ritorno il prossimo anno.

 

In occasione della rievocazione storica saranno inaugurate venerdì 15 settembre due mostre: la prima, allestita all’interno della pinacoteca Aldo Borgonzoni (via Pillio 1), è una personale di Ian Philip, artista e designer francese di Romilly Sur Seine, città gemella di Medicina. La seconda esposizione è una personale di pittura dell’artista Ginaldo Tamarri, allestita in Sala Auditorium.
Inoltre al Museo civico (via Pillio 1) si potrà vedere il Plastico del Castello di Medicina, opera del gruppo Gli Artisti Erranti.


Informazioni
e-mail: info@prolocomedicina.net – tel. 051 857529
Il programma: www.ilbarbarossa.net e www.prolocomedicina.net

Il programma:

VENERDI' 15 Settembre (ingresso gratuito)

Ore 22.00 - Calata la sera s'apre la festa! L'Imperatore entra nel Castello di Medicina e ne visita tutte le contrade.

Ore 22.10 - Dal palco centrale si onorano i visitatori con una cerimonia coronata dalla spettacolare esibizione degli Sbandieratori del Borgo e dei Tamburini.

Ore 23.15 - Nella piazza centrale del Castello il popolo tutto rende omaggio al Barbarossa che, dal trono imperiale, assiste a mirabolanti spettacoli in suo onore eseguiti dal Gruppo di Teatro Icaro e dalle Ancelle della Danza accompagnate dai Musici del Barbarossa. Grandiosa esibizione di abilità di duelli ad opera della Compagnia delle Spade.

Ore 23.30 - Apre, nel cortile dell'Auditorium, la Fonte dell'eterna giovinezza, dove i sublimi teatranti di Icaro presenteranno lo spettaco dal titolo Le origini.

Ore 23.30 - L'Augusto Re procede il cammino verso la Piazza di Levante (Piazza Andrea Costa) per assistere ad una gara di atletica, in attesa della Caursa dal Dog e trì.

Ore 23.45 - Dei pericolosi briganti tentano di rapire l'imperatrice: sono i temutissimi Assassini! In suo soccorso giungono i valorosi Armigeri, pronti a difenderla a fil di spada. Ne seguirà un infuocato duello.

Ore 00.45 - Giunge il momento in cui giovani atleti appartenenti a tutte le Torri del Castello di Medicina si confrontano nella tradizionale gara di velocità allo scoccare della mezzanotte e tre quarti: la Caursa dal Dog e Trì. Chi si aggiudicherà il pregiato palio?
Terminata la gara l'Imperatore abbisogna di riposo e saluta Esercito e Popolo: ma la notte non è finita! In tutte le Torri, botteghe, osterie e stamberghe, musiche e balli vi accompagneranno fino alle 3 del mattino!

SABATO 16 settembre (ingresso gratuito)

I Medici del Castello di Medicina hanno lavorato tutta la notte con pozioni e unguenti, decotti e tisane per tentare di guarire l'Imperatore. Sul far del mattino il Barbarossa dà segni di miglioramento. Alla svuotamento del paiolo usato per un decotto somministrato a Federico viene trovata una serpe: dopo un attimo di forte preoccupazione per la loro sorte, il Barbarossa decide di non giustiziare cuochi e medici, e il Castello prosegue con gioia i festeggiamenti in suo onore.

Ore 17.30 - Dopo il riposo il Popolo tutto riprende i festeggiamenti. Musici, Cantastorie, Mendicanti, Giullari, Appestati e Meretrici si mescolano al Popolo raccontando storie e aneddoti, narrando i fatti della serata precedente ed immaginando quelli del giorno che verrà.
Prende il passo il primo Corteo. Nobili, Dame e Giudici percorrono le strade del Castello salutando le Torri.

Ore 17.30 - Nella Piazza Centrale del Castello la Maestra di Cerimonie presenta insieme ai Clerici Vagantes gli artisti del gruppo storico La Pandolfaccia, che stupiranno la plebe con strepitose evoluzioni di bandiere al ritmo di tamburi e chiarine.

Ore 17.30 - Presso i Giardini di Levante (giardini pubblici) il Falconiere Imperiale fornisce interessanti e preziose spiegazioni sui rapaci al seguito della carovana imperiale.

Ore 18.15 - Nella Piazza Centrale del Castello avviene il solenne Giuramento degli Armigeri e degli Arcieri alla presenza del Barbarossa e di tutti i Nobili.
 
Ore 18.30 - Sul Palco Centrale altri spettacoli in onore dell'Imperatore e della sua dama. Il Falconiere Imperiale darà prova a tutti i presenti dell'abilità dei suoi rapaci con mirabili volteggi nel cielo sopra la Piazza.

Ore 19.00 - Sollazzi e imbarazzi al Bosco delle Streghe. Accompagnate dai Modi Versus, le Steghe sopraggiunte nella Piazza Centrale coinvolgeranno il pubblico invitandolo a seguirle nel loro accampamento, dove si svolgerà uno spettacolo pregno di oscura magia e di mistero.

Ore 19.05 - Nella Piazza Centrale del Castello si alterneranno i Nemesis con il loro fantastico e insuperabile spettacolo; la Compagnia delle Spade con mirabili combattimenti a coppie; il gruppo storico La Pandolfaccia che, giunta da un Castello della collina, vuole deliziare l'Imperatore e la sua dama con insuperabili volteggi di bandiere e dimostrazioni di duelli di spada accompagnati con maestria da superbe esibizioni musicali.

Ore 19.30 - Per le vie del Castello è possibile ammirare il Corteo delle Torri, ossia la sfilata degli atleti che domenica si sfideranno durante il Palio della Serpe. Giungono frattanto al Castello i Giudici che, oltre a vigilare sul rispetto delle regole del Palio del giorno successivo, sono preoccupati per l'insistente vociferare nei villaggi limitrofi di una cospicua presenza di Meretrici nel Castello di Medicina.

Ore 19.55 - Le genti giunte da villaggi lontani ed il Popolo tutto di Medicina attendono l'arrivo del Corteo Imperiale e dei Nobili che, dalla Piazza di Levante, si dirigono al Palco Centrale. Il Barbarossa, salito sul palco, riceve gli ossequi della Città. Attorniati dai Musici del Barbarossa, dalle Ancelle della Danza, dal Gran Ciambellano e dal Messo Imperiale, gli Augusti accolgono gli omaggi di Giudici, Dame e Messeri.

Ore 20.20 - Il Gran Ciambellano, dal Palco Centrale, con dovizia di particolari e sopraffina abilità guida il pubblico presente alla solenne cerimonia di Abbinamento delle Torri per il Palio della Serpe, effettuato con la Gara degli Arceri.

Ore 20.50 - Sontuosa Cena Medievale nella Piazza di Levante, disturbata dal temuto manipolo di Assassini che però troveranno sulla loro strada valorosi Armigeri che a fil di spada ripristineranno l'ordine. Allietano il regale convivium i Nemesis, le Ancelle della Danza, i Musici del Barbarossa e gli sbandieratori, mangiafuoco e duellanti del Gruppo Storico La Pandolfaccia. Il popolo curioso assiste alla libagione.

Ore 21.50 - Nella Piazza Centrale del Castello si esibiscono i Tamburini e Sbadieratori del Borgo, gli Sputafuoco della Pandolfaccia e la Compagnia delle Spade. Sferragliare di lame e brillar di armature attendono quindi chi si fermerà.

Ore 22.15 - L'Imperatore, scortato dalle sue fedeli truppe, visita le contrade del Castello. Il regale drappello viene però ripetutamente infastidito dalle Meretrici, riconoscibili, oltre che per abbigliamento discinto, dalla presenza obbligatoria di un nastrino giallo a simboleggiare la loro professione. Una Meretrice, distrattamente, perde il nastrino: essa verrà quindi arrestata immediatamente e condotta, imprigionata dentro il Carro, all'accampamento delle Prigioni, ove sarà detenuta in attesa della Marchiatura del giorno successivo.

Ore 22.30 - Apre, nel cortile dell'Auditorium, la Fonte dell'eterna giovinezza, dove i sublimi teatranti di Icaro presenteranno lo spettaco dal titolo Le origini.

Ore 23.00 - Nella Piazza Centrale i Nemesis eseguono il loro grandioso spettacolo di fuoco, luci, abilità e prestanza fisica.
Terminati gli spettacoli nella Piazza proseguono i festeggiamenti per tutte le Torri, le osterie e i ritrovi. Musiche e libagioni vi accompagneranno tra le braccia di Morfeo.

DOMENICA 17 settembre (ingresso gratuito)

Il Castello è di nuovo in festa alla notizia che il Barbarossa, dopo un paio di giorni di incerta salute, ormai si sente in piena forma. Gioiscono i cuochi del paiolo in cui era caduta la serpe insieme ai Medici del Castello perché ora non devono più temere per la loro vita.
Per celebrare la ritrovata guarigione Sua Maestà ha indetto un festoso Palio da disputarsi nel pomeriggio, durante il quale gli atleti delle Torri del Castello si sfideranno in gare di abilità e destrezza. Il fulvo Imperatore ha inoltre mandato a chiamare dei notai da Bologna per disporre importanti lasciti al Castello di Medicina e sancirne l'indipendenza dalla città di Bologna, stabilendo persino nuovi e allargati confini.
Egli comanda che tutto ciò debba avvenire in maniera solenne.

Ore 10.00 - Sul Palco Centrale si esibiscono in concerto gruppi strumentali della Scuola di Musica Medardo Mascagni.

Ore 14.30 - Presso i Giardini di Levante (giardini pubblici) il Falconiere Imperiale fornisce interessanti e preziose spiegazioni sui rapaci al seguito della carovana imperiale.

Ore 14.30 - Nella Strada di Mezzo (Via Libertà) il Gruppo Teatrale Icaro presenta lo spettacolo itinerante Una storia per la libertà.

Ore 14.45 - Partendo dall'Accampamento Imperiale il Gruppo Storico La Pandolfaccia effettua un giro tra le Torri del Castello rallegrandole con la loro musica e riaprendo di fatto i festeggiamenti per la guarigione dell'Imperatore.

Ore 15.00 - Dall'Accampamento Imperiale, l'Imperatore, la sua Dama, il Gran Ciambellano, Pillio, il Messo Imperiale, i Giudici, gli Arceri, gli Armigeri e Nobili e Dame del Castello danno vita ad un festoso corteo che va a rendere omaggio agli anziani del Castello, presso la Casa Protetta e RSA.

Ore 15.30 - Nella Piazza Centrale il Falconiere Imperiale da dimostrazione dell'abilità dei rapaci al seguito del convoglio imperiale, con mirabili volteggi nel cielo sopra la Piazza.
 
Ore 15.30 - Presso la Torre del Manscalco, la Compagnia delle Spade da dimostrazioni di abilità cimentandosi in duelli a coppie e spiegando anche alcune tecniche di attacco e di difesa.

Ore 15.30 - Nella Piazza di Levante si disputa una goliardica partita di calcetto tra Meretrici, Assassini e carcerieri del Gruppo delle Prigioni.

Ore 16.15 - Sul Palco Centrale del Castello avviene la Marchiatura delle Meretrici, decretata dal Barbarossa la sera prima ed eseguita personalmente dal Capitano della Guardia, sotto lo sguardo vigile dei Giudici.

Ore 16.30 - Il Bosco delle Streghe si anima col Palio delle Streghe.

Ore 16.45 - Il Gruppo Storico La Pandolfaccia allieta i presenti nella Piazza di Levante con volteggi di bandiere e duelli di armi.

Ore 17.00 - Nella Piazza Centrale del Castello si svolge il Palio dei Bambini.

Ore 17.00 - All'inizio della Strada di Mezzo (davanti a Tutto Gelato) gli strepitosi Clerici Vagantes fanno divertire tutti i presenti con il loro roccambolesco spettacolo.

Ore 18.15 - La Maestra di Cerimonie dal Palco Centrale annuncia l'imminente Palio della Serpe e per le strade del Castello sfila il Corteo del Palio.

Ore 18.45 - Prende il via il Palio della Serpe, in onore dell'avvenuta guarigione del Barbarossa. I migliori atleti di Medicina si confrontano per aggiudicarsi l'ambito simbolo. Chi sarà il migliore? Quale Torre potrà fregiarsi del nuovo Palio?

Ore 19.30 - Nella Piazza di Levante i Clerici Vagantes intrattengono in goliardia tutti i presenti col loro spumeggiante spettacolo mentre dall'Accampamento Imperiale i Tamburini e gli Sbandieratori del Borgo animano le Torri per tenere alto il clima dei festeggiamenti.

Ore 21.30 - Dai Giardini di Levante parte il maestoso Corteo Storico. Il Popolo di Medicina sfila per le strade del Castello con musiche, colori e risate. La Grande Sfilata porta il Barbarossa sul trono e Tamburini, Musici, e Guerrieri ai suoi piedi attendono che tutto il corteo si raccolga nella Piazza.

Ore 22.15 - Medicina rinnova il suo affetto e la sua obbedienza al Barbarossa consegnando le Chiavi della Città. Egli saprà trovare degne parole di commiato, enunciando il Decreto che sancisce i nuovi confini e l'autonomia dalla città di Bologna.

Ore 22.30 - Giunge il momento in cui il Barbarossa abbandona il Castello. Solenne cerimonia di saluto all'Imperatore che prosegue a cavallo il suo viaggio, omaggiato dai saluti finali dal Gran Ciambellano e dalla Maestra di Cerimonie.

 

 
 

A cura di Ufficio stampa

Data ultimo aggiornamento: 07-09-2017