Un anno di Card Musei Metropolitani Bologna, pensata anche per cinema e teatri

Bilancio positivo con quasi 5 mila Card vendute. Nuovi progetti di crescita per ampliare la rete dei soggetti coinvolti e offrire più servizi

Museo Marconi a Villa Grifoni - Pontecchio Marconi
 

Sono quasi 5 mila le persone che, dall'aprile del 2016 a oggi, hanno acquistato la Card Musei Metropolitani Bologna. Un bilancio positivo per l'abbonamento annuale istituito nell'aprile 2016 che offre accesso illimitato alle collezioni permanenti e ingresso a prezzo ridotto alle mostre temporanee di oltre 20 musei e sedi espositive della città metropolitana.

Voluto dal Comune di Bologna per favorire l’accesso alla cultura e la formazione permanente, il progetto Card Musei è un servizio sviluppato specificatamente in chiave metropolitana che riunisce per la prima volta in un unico circuito i maggiori sistemi museali e sedi espositive del territorio, coinvolgendo anche cinema, teatri e festival in una rete di collaborazioni che, superata la distinzione tra pubblico e privato.

I circa 80 mila euro ricavati dalla vendita della Card, saranno reinvestiti nel corso del 2017 al fine di consolidare e incrementare il servizio. In particolari, saranno destinati per sviluppare:

  • un nuovo sistema di gestione con soluzioni digitali innovative per ottimizzare e facilitare i processi di vendita, fruizione e monitoraggio degli ingressi
  • l'estensione della rete con l'inclusione di nuovi importanti soggetti, anche al di fuori dell'area metropolitana. La Pinacoteca Nazionale da giugno 2017 rientrerà tra i musei ad accesso gratuito, con entrambe le sue sedi, quella di via Belle Arti e Palazzo Pepoli Campogrande in via Castiglione. Palazzo Albergati, sede espositiva delle mostre organizzate da Arthemisia, entra stabilmente nella rete della Card, nell’ottica di un consolidamento della partnership tra soggetti pubblici e privati. Tra i nuovi arrivati vi sono anche il Museo Marconi di Pontecchio Marconi e i Musei Civici di Pieve di Cento, che offriranno l’ingresso gratuito agli abbonati, sempre a partire dal prossimo giugno. La Fondazione Rocca dei Bentivoglio aderisce alla rete con un biglietto ridotto. Anche il Salone espositivo della Banca di Bologna, all’interno di Palazzo De’ Toschi, partecipa al circuito della Card. Palazzo dei Diamanti​, a Ferrara, ha confermato la sua presenza nel circuito con una riduzione per tutte le mostre in programma nel 2017-2018
  • la fidelizzazione del pubblico con programmazione di attività specifiche legate a tematiche trasversali, che mettano in relazione i vari soggetti della rete per restituire al pubblico l'idea di un sistema museale ricco e articolato
  • lo sviluppo di nuovi pubblici incrementando le opportunità e le offerte dedicate ai giovani (tra le quali la possibilità di acquisto con il Bonus Cultura del Governo), agli insegnanti con la Carta del Docente e ai destinatari organizzati (aziende, banche, fondazioni, associazioni ecc.).

 

Un po' di numeri...

Al progetto della Card hanno aderito fin dall’inizio tutti i principali musei e sistemi museali della città metropolitana: l’Istituzione Bologna Musei, Genus Bononiae. Musei nella Città, lo SMA - Sistema Museale di Ateneo, il Museo Ebraico, i musei di Imola, San Lazzaro di Savena, Dozza, Monterenzio, San Marino di Bentivoglio, oltre al Teatro Anatomico dell’Archiginnasio, hanno riconosciuto agli abbonati Card Musei l’ingresso illimitato e gratuito alle collezioni permanenti. In questi 23 musei sono stati effettuati complessivamente 6.722 accessi; l’utilizzo medio è di 2,7 volte per Card.

Altri 10 musei e sedi espositive hanno aderito alla Card con l’offerta di biglietti ridotti: Pinacoteca Nazionale, Palazzo Pepoli Campogrande, Opificio Golinelli, Spazio Sottopasso di Piazza Re Enzo della Fondazione Cineteca di Bologna, Rocchetta Mattei, Museo Lamborghini, Gelato Museum Carpigiani, presenti fin dall’avvio del progetto, a cui si sono aggiunti nel corso dell’anno Palazzo Albergati, Museo Ducati, Museo Ferruccio Lamborghini, e, in regione, Palazzo dei Diamanti di Ferrara.
Sono state 15 le mostre a cui è stato possibile accedere con un biglietto ridotto fino al 50% e con speciali opportunità per le famiglie, grazie alla collaborazione dei partner privati, fra i quali  Arthemisia Group, CMS.Cultura e BPM Concerti/Best Union. Anche Palazzo dei Diamanti di Ferrara ha aderito alla rete offrendo riduzioni sulle mostre. Alle rete hanno preso parte inoltre 35 musei e spazi espositivi già normalmente gratuiti, le cui attività sono state promosse attraverso i canali di comunicazione della Card.
Nell’offerta sono stati inclusi anche vantaggi per le attività culturali di cinema, teatri e festival: 10 sale cinematografiche, 22 teatri e 5 festival hanno riconosciuto biglietti ridotti agli abbonati.
Alle 2 sale della Cineteca di Bologna e alle 4 di Circuito Cinema Bologna (Odeon, Europa, Rialto Studio, Roma D'Essai), presenti fin dall’apertura del servizio, si sono aggiunti nel corso dell’anno Nuovo Cinema Nosadella, Medica, Jolly e Arlecchino.

 

Link: Card Musei Metropolitani Bologna

 

 
 

A cura di Ufficio stampa

Data ultimo aggiornamento: 12-06-2017