Comunicato stampa

Centrale Adriatica, il risultato del Tavolo metropolitano di salvaguardia


 
 

Si è tenuto questa mattina, in videoconferenza, il Tavolo metropolitano di Salvaguardia per Centrale Adriatica, consorzio che gestisce la logistica per i negozi a marchio Coop, principale Hub logistico di Coop del Nord Italia con circa 300 addetti tra lavoratori diretti e lavoratori in appalto.

 

All’incontro, presieduto dal vice sindaco metropolitano Fausto Tinti, erano presenti le organizzazioni sindacali (Cgil, Cisl, Filcams, Filt, Uil, Uiltucs, Uiltrasporti, Fisascat e Fit), le società Ellepi Service S.r.l. e Kamila S.r.l., Legacoop e le istituzioni Comune di Anzola dell'Emilia (Sindaco Giampiero Veronesi) e Regione Emilia-Romagna.

 

All’inizio della settimana, Centrale Adriatica ha annunciato di voler attuare, da inizio ottobre,  un progetto di ristrutturazione del centro di distribuzione di Anzola dell'Emilia; tale progetto sospenderà l’operatività del magazzino per due anni. Contestualmente, Centrale Adriatica ha comunicato la rescissione del contratto di appalto a Kamila, che gestiva la commessa dal 2018 con i lavoratori della società in subappalto Ellepi Service. 

 

Le organizzazioni sindacali hanno evidenziato con forza la necessità di tempistiche adeguate a trovare soluzioni idonee per la salvaguardia di tutti i lavoratori, sia i 121 lavoratori diretti sia i 168 lavoratori in appalto.

 

L’incontro tra le parti si è concluso con un impegno di Centrale Adriatica a un pieno confronto con i sindacati sul calendario dei lavori (precisando che l'inizio dei lavori non è indifferibile) e a proseguire la complessa trattativa con le Organizzazioni sindacali.

 

Nei prossimi giorni le istituzioni si sono impegnate a fornire, tramite l'Agenzia Regionale del Lavoro, un supporto per l'approfondimento tecnico relativo agli ammortizzatori sociali attivabili, in vista del prossimo Tavolo metropolitano di salvaguardia già programmato per il 16 settembre.

 

Il vice sindaco metropolitano Tinti ha dichiarato: “In questo momento di grande difficoltà nazionale, ritengo che si debbano trovare tutte le condizioni per la salvaguardia del lavoro, e che si debba dare pari dignità al lavoro, anche quando espresso attraverso strumenti quali l'appalto. Confermiamo il nostro impegno come Città metropolitana, insieme a Regione e Comune, a perseguire questo obiettivo, e ritengo importante l’impegno di Centrale Adriatica a riconsiderare l'inizio dei lavori, e allo stesso tempo siamo impegnati a delineare un percorso rapido e proficuo che possa portare a soluzioni adeguate per tutti i lavoratori”.

 
 
 
A cura di:
Ufficio stampa
 
 

Data ultimo aggiornamento: 09-09-2020