Domanda di installazione mezzi e cartelli pubblicitari

In evidenza

Trasferimento strade all'ANAS dal 1° aprile 2021
A fronte dell'imminente trasferimento ad ANAS S.p.A1. ddelle strade provinciali sotto riportate, previsto per il prossimo 1 aprile, si invitano lgli utenti a non presentare più richieste alla Città metropolitana di Bologna interessanti le seguenti strade, indirizzandole direttamente ad ANAS S.p.A.:

  • SP 3/1 "Trasversale di Pianura primo tronco"
  • SP 3/2 "Trasversale di Pianura secondo tronco"
  • SP 65 "Della Futa"
  • SP 83 "Tangenziale di San Giovanni in Persiceto" dallo svincolo con la SP568 (km 4+400) fino a fine strada
  • SP 84 "Circonvallazione di Crevalcore"
  • SP 85 "Fondo Valle Savena
  • SP 253 "San Vitale" fino all'innesto con la SP 3/2 al km 27+180
  • SP 324 "Del Passo delle Radici" fino all'innesto con la SP 623 al km 3+094
  • SP 325 "Di Val di Setta e Val di Bisenzio" – solo Ponte sul Reno a Sasso Marconi
  • SP 568 "Di Crevalcore"
  • SP 569 "Di Vignola"
  • SP 623 "Del Passo Brasa"
 

Il soggetto interessato al rilascio di un'autorizzazione di un mezzo pubblicitario permanente deve presentare la domanda in bollo, secondo il modello di seguito allegato.
Il soggetto interessato prende atto che l'amministrazione trasmetterà la comunicazione di avvio del procedimento e l'eventuale comunicazione dei motivi ostativi all'accoglimento dell'istanza, a mezzo fax o via PEC al numero/indirizzo indicato nella domanda.

La domanda (93 KB),relativa ad un'unica strada di competenza, può comprendere la richiesta di più cartelli, insegne di esercizio o di altri mezzi pubblicitari e deve contenere i seguenti allegati:

  • Ricevuta del versamento di euro 135,00 per ogni cartello richiesto per spese di sopralluogo e istruttoria da effettuare attraverso  PagoPA
  • copia della planimetria (collegamento) ove è riportata la posizione nella quale si richiede l'autorizzazione all'installazione;
  • copia del bozzetto del messaggio da esporre (o più messaggi) contenente dimensioni e colori;
  • copia della documentazione fotografica dello stato dei luoghi;
  • per le richieste ricadenti in ambito extraurbano è necessario indicare il proprietario del terreno sul quale ricade l'installazione pubblicitaria;
  • Autodichiarazione, redatta ai sensi della legge 4 gennaio 1968, n. 15, con la quale si attesti che il manufatto (o più manufatti) che si intende collocare è stato calcolato e realizzato e sarà posto in opera tenendo conto della natura del terreno e della spinta del vento, in modo da garantirne la stabilità (se si utilizza il modulo fornito dalla Città metropolitana di Bologna è già inserita).
  • Fotocopia del documento di identità da allegare alla dichiarazione di stabilità del manufatto (Legge n. 15 del 4.01.1968);
  • Fotocopia del documento di identità del legale rappresentante della ditta delegata.


Note: Art. 14 “Regolamento per la disciplina della pubblicità sulle strade della Provincia di Bologna”, adottato dalla Città metropolitana” (…). Le spese di istruttoria e sopralluogo, sono dovute per ogni cartello o altro mezzo pubblicitario richiesto. Fanno eccezione i seguenti casi per i quali si dovrà corrispondere l’importo dovuto per un’unica installazione:

- i distributori di carburante;

- i cartelli o segnali richiesti su un unico sostegno (per esempio preinsegne fino al massimo di numero 6 su ogni sostegno); - gli striscioni, locandine e stendardi come definiti dall’art. 47 del Reg. C.d.S. aventi esposizione per una durata limitata al periodo di svolgimento della manifestazione, dello spettacolo o della iniziativa commerciale e ricadenti nell’ambito di 100 metri (intesi come distanza parallela al senso di marcia). (…)

 

E' necessario che il richiedente si accerti della posizione (o più posizioni) in cui intende collocare il segnale pubblicitario verificando la chilometrica e se ricade al di fuori oppure all'interno di un Centro Abitato (260 KB).
Nel caso di una o più installazioni fuori da un centro abitato su una strada di competenza, dovrà essere presentata domanda di autorizzazione alla Città metropolitana quale Ente Proprietario della Strada; nel caso, invece, di una o più installazioni pubblicitarie all'interno di un centro abitato, lungo una strada provinciale, dovrà essere presentata domanda di nulla-osta tecnico alla Città metropolitana e una di autorizzazione al Comune. Sarà compito della Città metropolitana trasmettere il nulla-osta al Comune al fine del rilascio dell'autorizzazione.

Per le domande di rinnovo, da richiedere solo relativamente alle autorizzazioni rilasciate dalla Città metropolitana/Provincia in ambito extraurbano, occorre presentare istanza entro 60 giorni dalla data di scadenza dell’autorizzazione da rinnovare, con i seguenti allegati:

  • istanza di rinnovo in bollo (93 KB);
  • ricevuuta del versamento di euro 135,00 per ogni cartello richiesto per spese di sopralluogo e istruttoria da effettuare attraverso la  piattaforma PagoPA ;
  • fotocopia precedente provvedimento di autorizzazione o, in alternativa, estremi del precedente provvedimento;
  • copia della documentazione fotografica dello stato di fatto dell’installazione per la quale si richiede il rinnovo.


Per le domande di cambio immagine, da richiedere solo relativamente alle autorizzazioni rilasciate dalla Provincia/Città metropolitana in ambito extraurbano, decorsi tre mesi dal rilascio della prima autorizzazione e fermo restando la durata della stessa, occorre presentare:


Per le domande di cambio immagine, se decorsi quindici giorni l’Amministrazione non si sarà pronunciata, l’autorizzazione sarà considerata rilasciata secondo il principio del silenzio-assenso.
L’autorizzazione al cambio immagine viene rilasciata dalla Città metropolitana purché il segnale pubblicitario rimanga delle stesse dimensioni e nella medesima posizione e solamente fuori dai Centri Abitati (260 KB) (all’interno dei centri abitati il cambio immagine deve essere richiesto solamente al Comune competente). Nel caso in cui vi sia un cambiamento dimensionale, cromatico o di posizionamento l’istanza verrà considerata alla stregua di una nuova richiesta di autorizzazione, pertanto non si terrà conto del principio del silenzio-assenso.

 

L'autorizzazione, intestata al soggetto richiedente, ha validità tre anni ed è rinnovabile inoltrando apposita domanda. Il Nulla-osta tecnico rilasciato dalla Città metropolitana/Provincia decade solo se decade l'Autorizzazione rilasciata dal Comune.

Il modello di domanda debitamente compilato e firmato dovrà essere spedito alla casella di posta elettronica certificata istituzionale della Città metropolitana di Bologna è : cm.bo@cert.cittametropolitana.bo.it

 
 
Documenti scaricabili