Contrasto alla violenza sulle donne, sottoscritto l'Accordo con i Distretti e i Centri antiviolenza

19 posti per la prima accoglienza e 25 per l'ospitalità, dalla Città metropolitana tre unità abitative in comodato gratuito alla Casa delle Donne

Un momento della firma
 

Sottoscritto, mercoledì 4 marzo a Palazzo Malvezzi, l’Accordo che vede impegnati fino al 31/12/2024 la Città metropolitana, i sette Distretti socio sanitari per le pari opportunità e i Centri antiviolenza del territorio (Casa delle Donne per non subire violenza, Trama di Terre, Mondo Donna, Udi, Per le Donne, e Sos Donna) a dare risposte coordinate e condivise per realizzare un sistema di accoglienza, ascolto e ospitalità per le donne che hanno subito violenza e di contrasto alla violenza.
Complessivamente saranno messi a disposizione 19 posti per la pronta accoglienza, 25 posti per l’ospitalità di seconda accoglienza nelle case rifugio, e servizi di ascolto e consulenza.
In particolare poi la Città metropolitana s’impegna, in continuità con il precedente accordo, a concedere in comodato gratuito alla Casa delle Donne tre unità abitative.

Tre le articolazioni del sistema di accoglienza e ospitalità individuate:

  • ospitalità in pronta accoglienza 19 posti (17  Casa Donne e 2 Trama di Terre): è rivolta alle donne con o senza figli, che subiscono violenza intra o extrafamiliare e necessitano di una pronta ospitalità. L’accesso è attivo 24 ore al giorno, il periodo di accoglienza previsto è fino ad un mese, prorogabile in casi particolari su richiesta del servizio e in accordo con l’ente gestore;
  • ospitalità in casa rifugio 25 posti (21 Casa Donne e 4 Trama di Terre) è rivolta a donne con o senza figli che hanno necessità di un luogo sicuro, protetto, accogliente e tranquillo, in cui intraprendere un percorso di uscita dalla violenza e ricostruire la propria autonomia, con la possibilità di ricevere sostegno nella scelta di allontanarsi dalla violenza e nell’attivare i canali necessari per realizzare il proprio progetto. La durata dell’accoglienza in queste strutture va normalmente da sei a nove mesi;
  • consulenza, ascolto e sostegno rivolti a donne maggiorenni, maltrattate nel proprio contesto familiare o minacciate di violenza, con l’obiettivo di proporre uno spazio riservato e competente in cui poter esprimere vissuti, raccontare l’esperienza e definire un percorso e una strategia per uscire dalla violenza, nel rispetto dell’autonomia e delle scelte decisionali della donna.

Risorse finanziarie

L’intesa stabilisce un impegno economico annuale da parte di Comuni/Unioni di 0,1727 euro per ogni residente, calcolato in proporzione alla popolazione residente in ciascun Comune e ripartito per Distretti socio sanitari del territorio metropolitano per un totale di 147.971 euro.

I Comuni e le Unioni dei Comuni, sulla base dei propri bilanci, potranno mettere a disposizione contributi aggiuntivi ad integrazione delle risorse già precedentemente indicate per lo svolgimento di attività ulteriori svolte dalle associazioni che gestiscono i Centri Antiviolenza nel territorio metropolitano, in favore di donne, con e senza figli, minacciate o vittima di violenza fisica, sessuale, psicologica, economica.

L'Accordo, unico nel suo genere a livello nazionale, è la cornice di un'importante azione integrata fra soggetti pubblici e privati per l'accoglienza delle donne maltrattate, e che si completa con le politiche di contrasto alla violenza sulle donne che vedono da sempre impegnata la Città metropolitana: dal Protocollo sulla comunicazione di genere sottoscritto nel novembre scorso, alle numerose iniziative programmate su tutto il territorio in occasione del 25 novembre, al progetto Stanza Rosa per favorire le donne nel denunciare atti di violenza subiti.

Link: Pari opportunità

 

 
 
 
Data di pubblicazione: 04-02-2020
Data ultimo aggiornamento: 04-03-2020
 

A cura di Ufficio stampa

 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy