salta ai contenuti

sportello sociale

 
 
 
 
 
 
 

Disagio adulto

La condizione di disagio si colloca tra lo psichico e il sociale in quanto è il vissuto esperienziale del soggetto ad alimentare la presenza o l’assenza del fenomeno, aggravato o attenuato da oggetti esterni.

Per quanto il disagio possa svilupparsi da un rapporto controverso che l’individuo vive con la società, da un malessere psichico che non riesce a fronteggiare e che non trova soluzioni nella realtà quotidiana, molto spesso il fenomeno nasce e si concretizza da situazioni esterne che la persona si trova a fronteggiare. È il caso della povertà che, soprattutto in epoca moderna, colpisce duramente gran parte della popolazione e porta all’insorgenza di nuovi fenomeni di disagio.

 

Il fenomeno della povertà si sta diversamente caratterizzando; si possono individuare due macrocategorie.

Da un lato ci sono i portatori di bisogni più tradizionali, persone in condizione di disagio grave e conclamato: persone in stato di povertà estrema e senza domicilio, tossicodipendenti o alcooldipendenti, persone con disagio psichico, detenuti ed ex-detenuti, immigrati che vivono in condizione di indigenza o irregolarità, nuclei familiari problematici, persone che pur vivendo in appartamento hanno interrotto ogni vincolo sociale.

Dall’altro ci sono le “nuove povertà” che si segnalano in forte aumento: situazioni di sofferenza/vulnerabilità (spesso di natura economica, ma non solo) che, se non affrontate, possono aggravarsi.

Città metropolitana di Bologna

Via Zamboni, 13 40126 Bologna - Centralino 051 659 8111 - Codice fiscale/Partita IVA 03428581205
e-mail: urp@cittametropolitana.bo.it - Posta certificata: cm.bo@cert.cittametropolitana.bo.it

 
 
torna ai contenuti torna all'inizio