LOGO
 

MiSE - Transizione 4.0

Misure potenziate e strutturali nel nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0, obiettivi: favorire e accompagnare le imprese nel processo di transizione tecnologica e di sostenibilità ambientale, rilanciando il ciclo degli investimenti penalizzato dall'emergenza legata al COVID-19


Misure potenziate e strutturali nel nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0, obiettivi: favorire e accompagnare le imprese nel processo di transizione tecnologica e di sostenibilità ambientale, rilanciando il ciclo degli investimenti penalizzato dall’emergenza legata al COVID-19.

Beneficiari: imprese e PMI.

Tipologia e misura del contributo: crediti d’imposta previsti per il biennio 2021-2022. La misura sostituisce diversi strumenti:

- in sostituzione dell’iperammortamento è disponibile il credito di imposta per beni 4.0 - 40% per investire fino a 2,5 milioni di euro, 20% per investire tra 2,5 milioni e 10 milioni di euro. Oltre i dieci milioni di euro non sono previste misure;

Crediti d’imposta sui beni strumentali: in sostituzione del superammortamento, credito di imposta per beni strumentali al 6% per investire fino a 2 milioni di euro. Prevista anche una misura specifica per i beni immateriali, nello specifico per i software: credito di imposta al 15% per investimenti con tetto fino a mezzo milione di euro;

Crediti per ricerca e sviluppo: 12% fino a 3 milioni di euro di investimento per R&S – Ricerca e sviluppo, 10% con investimenti fino un milione e mezzo di euro per progetti green e trasformazione digitale, 6% per investimenti fino a un milione e mezzo di euro in design.

Scadenza e durata: crediti d’imposta previsti per due anni con decorrenza anticipata al 16 novembre 2020. 

Per i contratti di acquisto dei beni strumentali definiti entro il 31/12/2022, è possibile beneficiare del credito con il solo versamento di un acconto pari ad almeno il 20% dell’importo e consegna dei beni nei 6 mesi successivi, quindi entro giugno 2023. Per gli investimenti in beni strumentali “ex super” e in beni immateriali non 4.0 effettuati nel 2021 da soggetti con ricavi minori di 5 milioni di euro, il credito d’imposta è fruibile in un anno.

Inoltre per gli investimenti in beni strumentali è ammessa la compensazione immediata, mentre per tutti i crediti d’imposta sui beni strumentali materiali, la fruizione dei crediti è ridotta a 3 anni in luogo dei 5 anni previsti a legislazione vigente.

Fonte: > MiSE

 
Data ultimo aggiornamento: 18-10-2021