LOGO
 

MiSE - Imprese dell'economia sociale

Agevolazioni alle imprese per la diffusione e il rafforzamento dell'economia sociale.


La misura Imprese dell’economia sociale è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico per promuovere la diffusione e il rafforzamento dell’economia sociale, sostenendo la nascita e la crescita delle imprese che operano, in tutto il territorio nazionale, per il perseguimento di meritevoli interessi generali e finalità di utilità sociale.

Apertura: 7 novembre 2017.

Scadenza: bando aperto fino ad esaurimento risorse.

Beneficiari:

- imprese sociali, purché costituite in forma di società (di persone o di capitali)

- cooperative sociali

- società cooperative con qualifica di ONLUS

che alla data di presentazione della domanda:

- sono regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese e inserite negli elenchi, albi, anagrafi previsti dalla rispettiva normativa di riferimento;

- sono in regime di contabilità ordinaria;

- sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;

- hanno sede legale e operativa ubicata nel territorio nazionale;

- sono in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente e sono in regola con gli obblighi contributivi;

- hanno ricevuto una positiva valutazione del merito di credito da parte della banca finanziatrice e dispongono di una delibera di finanziamento adottata dalla medesima banca finanziatrice per la copertura finanziaria del programma di investimenti proposto. Nel caso di grandi imprese, ai sensi dei Regolamenti de minimis, la valutazione della capacità economico-finanziaria deve assegnare all’impresa richiedente un rating comparabile almeno a B -.

Progetti ammissibili: la misura finanzia i programmi di investimento proposti dalle imprese operanti nell’ambito dell’economia sociale. I programmi di investimento devono prevedere spese ammissibili, al netto di IVA, non inferiori a 200.000,00 euro e non superiori a 10.000.000,00 di euro. I programmi di investimento devono perseguire uno o più dei seguenti obiettivi:

- incremento occupazionale di categorie svantaggiate;

- inclusione sociale di soggetti vulnerabili;

- raggiungimento di specifici obiettivi volti alla salvaguardia e alla valorizzazione dell'ambiente, del territorio e dei beni storico-culturali;

- conseguimento di ogni altro beneficio derivante da un'attività di rilevante interesse pubblico o di utilità sociale in grado di colmare uno specifico fabbisogno all'interno di una comunità o territorio attraverso un aumento della disponibilità o della qualità di beni o servizi.

Misura e tipologia di contributo: le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento agevolato, a cui deve essere associato un finanziamento bancario per una copertura delle spese ammissibili pari all’80% di cui:
a) 70% di finanziamento agevolato;
b) 30% di finanziamento bancario;
Il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario sono regolati in modo unitario da un unico contratto di finanziamento. Limitatamente ai programmi d’investimento che presentino spese ammissibili non superiori a 3.000.000,00 di euro, e che rientrino nel campo di applicazione del > Regolamento (UE) n.1407/2013, in aggiunta al finanziamento agevolato è concesso un contributo in conto capitale per una percentuale pari al 5% delle spese ammissibili complessive e comunque, nei limiti del massimale di aiuto previsto dal Regolamento de minimis.

Modalità e termini di partecipazione: la domanda di agevolazione deve essere redatta in formato elettronico attraverso la compilazione dell’All.1 - domanda di agevolazione (> file completo in pdf), sottoscritta dal legale rappresentante dell’impresa o da un suo procuratore mediante firma digitale, e presentata al Ministero a mezzo PEC, all’indirizzo: es.imprese@pec.mise.gov.it.

Fonte: > MiSE

 
Data ultimo aggiornamento: 18-10-2021