"Protocollo Sfratti" rinnovato per il 2021: confermate le misure straordinarie di intervento per la riduzione del disagio abitativo

Un aiuto alle famiglie che non sono più in grado di pagare il canone di locazione

Bologna
 

È stato approvato in queste settimane il rinnovo del Protocollo d’intesa contenente misure straordinarie di intervento per la riduzione del disagio abitativo promosso da Città metropolitana, Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna, Tribunale di Bologna, Comuni dell’area metropolitana bolognese, Ordine degli Avvocati di Bologna, Sindacati e Associazioni rappresentative dei proprietari e degli inquilini.
L’atto, valido per tutto il 2021, vuole dare continuità alle misure di sostegno avviate con i Protocolli precedenti considerato che nel territorio metropolitano esistono numerose situazioni di disagio abitativo, che mettono a rischio la disponibilità della propria abitazione da parte delle famiglie che non sono più in grado di pagare il canone di locazione, ulteriormente aggravate dalla crisi determinatasi per effetto dell’emergenza epidemiologica in corso.

Il Protocollo disciplina i criteri di gestione da applicare su tutto il territorio metropolitano prevedendo due distinti Fondi di finanziamento e due differenti modalità di gestione per i Comuni ad Alta Tensione Abitativa e Alto Disagio Abitativo (per i quali sono utilizzate le risorse concesse ai Comuni a valere sul Fondo per gli Inquilini Morosi Incolpevoli) e per i Comuni non ad Alta Tensione Abitativa (per i quali sono utilizzate le risorse provenienti dal Fondo regionale per l’Emergenza abitativa.

Link: Acer Bologna

 
 
Data di pubblicazione: 08-02-2021
Data ultimo aggiornamento: 09-02-2021
 
 
La tua iscrizione non pu˛ essere convalidata.
La tua iscrizione Ŕ avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della CittÓ metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy