L'indagine sulla qualità della vita nel Comune e nella Città metropolitana di Bologna nel 2022

Ascoltati direttamente 3.800 cittadine e cittadini sulle condizioni e la soddisfazione per i diversi aspetti della vita nel comune e nella zona in cui abitano

Immagine di Bologna
 

Il Comune e la Città metropolitana hanno svolto anche nel 2022 l’indagine sulla qualità della vita dei bolognesi. Sono stati ascoltati direttamente 3.800 cittadine e cittadini sulle condizioni e la soddisfazione per i diversi aspetti della vita nel Comune e nella zona in cui abitano. 

La qualità della vita nel proprio Comune riceve una valutazione alta (voto tra 7 e 10) dal 76,2% dei rispondenti che hanno espresso un voto; in particolare, nel Comune di Bologna si registra una soddisfazione più elevata rispetto al resto della Città metropolitana (il 78,1% contro il 74,5%). Complessivamente, il 90% assegna una valutazione positiva (voto dal 6 al 10) alla qualità della vita nel proprio comune. 

I servizi del proprio Comune più graditi dagli abitanti della Città metropolitana di Bologna sono, in ordine decrescente, le scuole, l’illuminazione pubblica e le biblioteche comunali, con percentuali di voti tra 7 e 10 pari o superiori all’80% e che crescono ulteriormente di qualche punto percentuale considerando il solo capoluogo. L’unico servizio che è ritenuto superiore nel resto della Città metropolitana è il verde pubblico (80,3% contro 77%). Di musei e mostre si è distintamente più soddisfatti nel Comune di Bologna, con uno scarto di ben 27 punti percentuali dal resto della Città metropolitana (82% contro 55%). 

Primi in classifica tra gli aspetti legati alla mobilità del proprio Comune si trovano, in ordine di soddisfazione, il trasporto pubblico e le piste ciclabili, ritenute più che sufficienti dal 75,9% e 64,2% nel Comune di Bologna e, rispettivamente, dal 59,1% e 62,5% degli abitanti degli altri comuni. All’opposto, troviamo il traffico e la disponibilità di parcheggi, con valutazioni più basse soprattutto per il capoluogo. 

Il 72% del campione si ritiene molto o abbastanza soddisfatto della situazione ambientale della zona in cui vive (qualità dell'aria, dell'acqua, rumore, ecc.), con picchi più alti nel resto della Città metropolitana (76,3% rispetto al 67,1% del Comune di Bologna). 

Per quanto riguarda il profilo e le condizioni di vita degli intervistati, per la prima volta è stata prevista la possibilità per gli intervistati di non identificarsi nella classificazione binaria di genere, con un riscontro di 0,6% rispondenti “non binari” a Bologna (1,5% tra i giovani 18-34 anni) e 0,2% nel resto della Città metropolitana. 

Rispetto alle modalità di lavoro, nel Comune di Bologna si conferma più alta la percentuale di chi lavora da remoto (29% circa contro 19% altri Comuni), anche se in diminuzione rispetto all’anno scorso (41% di lavoratori “agili” a Bologna e 25% nel resto della Città metropolitana) e in misura inferiore a quanto desiderato: infatti, il 38,8% degli occupati del capoluogo preferirebbe la modalità di lavoro ibrida, contro il 27,7% del resto della Città metropolitana; in particolare preferirebbe questa possibilità il 44,8% delle donne del capoluogo e il 33,7% degli uomini. 

Il 71% degli abitanti della Città metropolitana di Bologna vive in case che non presentano particolari problemi. Il 28% del campione lamenta almeno un problema dell’abitazione in cui vive. Nella fascia 18-49 anni la percentuale sale al 44%, mentre le condizioni abitative migliorano tra gli intervistati di 50 anni e oltre. Il problema principale delle abitazioni riguarda la dimensione non adeguata, ritenute troppo piccole, soprattutto a Bologna (11%). 

La ricerca di una nuova abitazione, dove i più impegnati sono i 35-49enni soprattutto nel capoluogo, riserva diverse difficoltà: costi elevati per il 39,4% dei bolognesi e 10 punti percentuali in più di chi vive nel resto della Città metropolitana; poca offerta di abitazioni con il 36,2% dei casi a Bologna e il 24% nei restanti comuni metropolitani. 
Il 38% degli abitanti della Città metropolitana dichiara di arrivare alla fine del mese con qualche o grande difficoltà. Rispetto all’anno scorso emerge una tendenza al peggioramento generale delle condizioni economiche, in quanto la quota di chi dichiarava di arrivare a fine mese con difficoltà nel 2021 era del 25%. 

La capacità di risparmio è stata messa a dura prova. Meno del 30% del totale del campione è riuscito a risparmiare negli ultimi 12 mesi: distintamente il 32,1% degli abitanti di Bologna e il 25,9% di quelli del resto della Città metropolitana; l’anno scorso la capacità di risparmio coinvolgeva il 44% e il 39% rispettivamente.

La maggior parte degli intervistati che vivono in coppia dichiara un’equa distribuzione delle mansioni familiari, soprattutto nel resto della Città metropolitana (67,8% rispetto al 57,4% del capoluogo). Nel comune di Bologna, all’interno della coppia, si occupa esclusivamente o principalmente delle mansioni familiari il 29,1% delle donne e solo il 13,2% degli uomini. 

Il 30% degli intervistati è impegnato nella cura di un proprio caro, soprattutto di bambini/ragazzi e persone over 75 anni, e con un divario di genere riscontrato in particolare nel capoluogo. Meno del 3% del campione si occupa di persone con disabilità o non autosufficienti con meno di 75 anni. L’accudimento di bambini da 0 a 6 anni è un’attività molto/abbastanza pesante per l’80% degli abitanti del capoluogo che se ne fa carico e per il 55% degli altri Comuni. 

Un quarto del campione (25,6%) afferma di fare volontariato all’interno di un’associazione (o di un gruppo strutturato) con una frequenza di almeno una-due volte all’anno. Questa percentuale sale al 27,2% per la partecipazione a dibattiti, incontri e assemblee pubbliche e al 38,4% per le donazioni ad associazioni e gruppi impegnati nel sociale. 

Le istituzioni che godono di maggiore fiducia sono il mondo della scienza (voto medio 7,5) e le forze dell’ordine (voto medio 7,3). Gli enti locali si attestano a un voto medio pari a 6,5 e l’Unione Europea a 6,0. La fiducia più bassa è attribuita agli organi di governo nazionali e ai media, rispettivamente con una valutazione di 5,2 e 5,1. 

Per quanto riguarda il benessere soggettivo, si conferma molto alta (73,7%) la percentuale di cittadini che valuta con un voto compreso tra 7 e 10 la qualità della propria vita nel suo complesso, con un picco più alto nel capoluogo (76,1%) dove si dichiara soddisfatto più di un bolognese su quattro.
Anche nel 2022 incertezza e speranza sono le emozioni provate più di frequente dagli abitanti della Città metropolitana di Bologna nell’ultimo periodo.

A due anni dalla pandemia e nel pieno di una crisi economica e internazionale, è stata chiesta ai bolognesi qualche informazione sulle proprie condizioni di salute psico-fisica. Dichiara di stare male o molto male il 7,8% degli abitanti del resto della Città metropolitana e il 5,5% del Comune di Bologna.

Il 9% degli abitanti della Città metropolitana di Bologna dichiara di aver subito discriminazioni o di essersi sentito discriminato negli ultimi 2 anni: le donne più degli uomini (11,4% contro 6,8%); i giovani più degli over 50: lo afferma il 19,1% dei 18-34enni di Bologna e il 16,1% dei coetanei del resto della Città metropolitana. I principali motivi della discriminazione riguardano la provenienza (21,1%), la posizione lavorativa (20%), il genere (17,4%) e l’aspetto (16,6%). A livello territoriale si notano alcune differenze. Se per il resto della Città metropolitana la provenienza è alla base delle discriminazioni subite (22,4% contro 19,6% di Bologna), il genere è il motivo principale nel capoluogo (23,4% contro 11,8% degli altri Comuni). La maggior parte delle discriminazioni si è verificata sul luogo di lavoro (43,5%) e nei luoghi pubblici/spazi all’aperto (30,4%).

Riguardo i comportamenti di mobilità, gli spostamenti a piedi sono più frequenti per gli abitanti di Bologna (50,3%) che per quelli del resto della Città metropolitana (46,1%). L’automobile è utilizzata soprattutto fuori dal capoluogo, dove il 67,5% degli intervistati la usa almeno 3-4 giorni a settimana, mentre a Bologna scendono al 53,8%, dove è maggiore la quota di chi non usa mai o quasi mai l’auto (12,9% contro 8%). La bicicletta è usata molto meno dell’automobile anche se, come per quest’ultima, il suo utilizzo è più frequente nel resto della Città metropolitana: il 45,2% di chi abita nel capoluogo dichiara di farne uso mai o quasi mai, rispetto al 40,8% degli abitanti dei comuni diversi da Bologna. Il monopattino è utilizzato principalmente dagli abitanti del Comune di Bologna. Ad avvertire maggiori difficoltà nello spostarsi con i mezzi pubblici sono soprattutto gli abitanti dei Comuni diversi dal capoluogo, con una quota del 37,1% che valuta come molto o abbastanza difficili i collegamenti, che a Bologna scende al 15,8%.

Report PDF e grafiche

Studio statistico completo sul sito I numeri di Bologna

 
 
Data di pubblicazione: 03-03-2023
Data ultimo aggiornamento: 09-03-2023
 
 
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della Città metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy