Accordo tra Città metropolitana e Comune di Bologna per un maggior utilizzo di palestre e impianti sportivi

Le scuole potranno utilizzarli in orario scolastico mentre società, gruppi e associazioni in orario serale e extrascolastico. L'intesa durerà 6 anni

Palestra - Archivio Città metropolitana di Bologna
 

Un accordo sottoscritto da Comune di Bologna e Città metropolitana per avere le palestre scolastiche aperte anche negli orari in cui non si tiene l’attività didattica e assicurare una manutenzione sempre migliore degli impianti. Per venire incontro alla richiesta di maggiori spazi sportivi di base, Comune e Città metropolitana hanno approvato una convenzione che permette alle scuole di poter utilizzare palestre e impianti sportivi in orario scolastico e, al contempo, fa sì che società, gruppi e associazioni possano utilizzare le palestre scolastiche in orario extrascolastico. Gli impianti sportivi degli istituti scolastici servono infatti in via prioritaria alle necessità delle scuole stesse e nello stesso tempo sono una componente fondamentale del patrimonio impiantistico sportivo pubblico. La decisione dunque ha l’obiettivo di mettere a disposizione della collettività le palestre scolastiche per le attività sportive.

Finora l’accordo è stato regolato da convenzioni rinnovate di anno in anno. Quello appena stipulato invece prevede una durata di sei anni (dall’anno scolastico 2019-2020 all’anno scolastico 2024-2025), al termine dei quali il Comune di Bologna avrà corrisposto alla Città metropolitana, per l’uso delle palestre di sua proprietà, la somma di 1,3 milioni di euro; la Città metropolitana, per lo stesso motivo, verserà al Comune di Bologna 500.000 euro. Le cifre corrispondono al rimborso delle utenze previste per 6 anni.

Nello specifico il Comune di Bologna concede alla Città metropolitana di Bologna - ai fini dell’utilizzo in orario scolastico - le seguenti palestre e impianti sportivi: palestra comunale Baratti (Sferisterio) su richiesta del liceo Laura Bassi, dell’Istituto Aldrovandi Rubbiani e del liceo Galvani (succursale); palestra comunale Moratello, su richiesta del liceo Fermi; la palestra Alutto su richiesta del liceo scientifico Sabin.

La Città metropolitana concede al Comune di Bologna - per l’utilizzo in orario extrascolastico - i seguenti impianti: liceo Copernico, Tanari, Rosa Luxemburg, Sabin, Crescenzi Pacinotti, artistico Arcangeli, Belluzzi Fioravanti, Augusto Righi, Laura Bassi, Enrico Fermi e istituto Malpighi. Le palestre verranno concesse dal lunedì al sabato dalle 17 e la domenica per l’intera giornata (limitatamente agli impianti dove è consentita l’attività agonistica, per gare e incontri di campionato). Il Comune di Bologna può concedere l’uso delle palestre a società, gruppi e associazioni.

 
 
Data di pubblicazione: 08-10-2019
Data ultimo aggiornamento: 10-10-2019
 

A cura di Ufficio stampa

 

Per rimanere sempre informato su notizie, appuntamenti e opportunità iscriviti alla nostra newsletter settimanale "Bologna metropolitana"