"Pensiero lento pensiero veloce", mostra degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Bologna

 

dal 28 ottobre 2022 al 5 marzo 2023

Alfonsina Sica, Cigno, 2022. Toner transfer, acquatinta su carta Fabriano Tiepolo, 50x60 cm

Apre al pubblico presso la Pinacoteca Civica “Graziano Campanini” di Pieve di Cento (via Marco Rizzoli, 2) PENSIERO LENTO PENSIERO VELOCE, mostra collettiva a cura di Guido Molinari, che sancisce l'inizio di una collaborazione tra l'Accademia di Belle Arti di Bologna e la Pinacoteca, inserita all'interno del polo culturale “Le Scuole” di Pieve di Cento.
Le due Istituzioni, infatti, hanno siglato una convenzione triennale che prevede una proficua condivisione di attività e progetti.

L'esposizione, promossa e organizzata dal Comune di Pieve di Cento e dall'Unione Reno Galliera, coinvolge studentesse e studenti iscritti all'Accademia di Belle Arti di Bologna, che propongono opere realizzate con tecniche differenti: fotografia, ready made, installazione, scultura, dipinti ed elaborati grafici.

I giovani talenti provengono, in particolare, dal Biennio di Pittura (Petkov Aleksandar, Samuele Bartolini, Riccardo Bellelli, Luca Campestri, Gabriele Ermini, Federico Falanga, Francesco Levoni, Chiara Mecenero, Chiara Vitofrancesco), dal Biennio di Grafica d'arte (Francesco De Conno, Elisa Negroni, Matteo Ruggieri, Alfonsina Sica) e dal Triennio di Grafica d'arte (Sofia Bini, Chiara Cappellini, Alessia Cincotto, Aurora Deambrosi, Iris Fontana, Nives Frangi, Serena Gamberini, Sarah Martinoli, Giulia Quagliana, Andrea Riccobono, Maria Ludovica Russo).
 
Il titolo PENSIERO LENTO PENSIERO VELOCE focalizza l'attenzione sulle potenzialità creative di artiste e artisti che concepiscono le opere secondo queste due modalità. L'accento è dunque posto sulla fase ideativa dell'opera che a volte è caratterizzata da una sorta di intuizione immediata e improvvisa, altre volte è frutto di un lento progredire consequenziale. Queste due dimensioni della creatività in certi casi si possono cogliere anche in una successione che conduce al risultato finale. Ma molto spesso è anche il pubblico che fruisce l'opera d'arte facendosi guidare dall'intuito oppure prediligendo un'analisi più razionale: spesso la prima impressione conduce a un giudizio e a un'emozione estetica che può essere confermata o contraddetta da una valutazione successiva più approfondita, meditata e analitica.

 La mostra rimarrà installata fino al 5 marzo 2023.

Ingresso libero
Pinacoteca Civica “Graziano Campanini” di Pieve di Cento (via Marco Rizzoli, 2)
Orari: sabato e domenica, ore 10 -18

 
 
 
 
Data ultimo aggiornamento: 20-10-2022
 
 
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Iscriviti alla newsletter settimanale "Bologna metropolitana" 

 Il tuo indirizzo email viene utilizzato unicamente per permettere l'invio della  newsletter della Città metropolitana di Bologna. Puoi disiscriverti in  qualsiasi momento usando il link incluso in ogni email.  Privacy