Comunicato stampa

Antisemitismo, “cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre da parte dei Comuni della Città metropolitana” Approvata all’unanimità una risoluzione in Consiglio metropolitano


 
 

 

 Il Consiglio metropolitano ha approvato all’unanimità, nella seduta di questo pomeriggio, una risoluzione nella quale chiede che “il Sindaco metropolitano si impegni a promuovere, tramite l'Ufficio di Presidenza e la Conferenza metropolitana, il riconoscimento della cittadinanza onoraria alla Senatrice Liliana Segre da parte dei Comuni e delle Unioni del territorio bolognese”.

 

Questo il testo integrale della risoluzione presentata in Aula dalla Consigliera delegata Mariaraffaella Ferri.

 

Premesso che

 

la lotta contro l’antisemitismo, il razzismo, la xenofobia e ogni forma di totalitarismo è il cuore di ogni politica dei diritti umani, perché la tolleranza e il rispetto per la dignità altrui costituiscono le fondamenta di ogni società davvero democratica e pluralista;

 

razzismo e xenofobia, in ogni loro forma e manifestazione, sono incompatibili con i valori e le regole su cui si fondano la Repubblica Italiana e l’Unione Europea;

 

il clima di odio, intolleranza e antisemitismo nel Paese assume ogni giorno livelli sempre più preoccupanti;

 

nel 2008 l’Unione Europea ha adottato la decisione quadro secondo la quale gli Stati membri devono garantire che siano punibili i discorsi di incitamento all’odio, intenzionali e diretti contro un gruppo di persone o contro un singolo membro di esso, con riferimento alla razza, al colore della pelle, alla religione o all’etnia, fatti con ogni mezzo d’istigazione pubblica;

 

il Parlamento Europeo e il Consiglio Europeo hanno riconosciuto come la lotta contro talune forme ed espressioni di razzismo e xenofobia debba operarsi anche con il ricorso al diritto penale;

 

nel nostro Paese la legge contro il negazionismo della Shoah (L. 155, del 16.6.2016) è già stata una risposta significativa a un pericolo particolarmente grave e un’indicazione per ulteriori azioni legislative;

 

vi sono anche amministratori locali italiani che ricevono, sempre più spesso, insulti e minacce istigati dall’odio razziale;

 

la Rete, che è aperta e senza confini di Stato, è il mezzo principale con il quale si diffonde l’incitamento all’odio;

 

Lo Statuto della Città metropolitana all'art.1, comma 7 prevede che “la Città metropolitana assicura il pieno rispetto, formale e sostanziale, dei diritti e dei doveri dei cittadini e di chi vive, lavora o studia nel suo territorio, senza distinzione di sesso, religione, lingua opinioni politiche, condizioni personali e sociali”, comma 8 “promuove il confronto delle culture e l'integrazione delle persone provenienti da altri stati, che riconoscono i valori della costituzione e partecipano allo sviluppo economico e sociale nella comunità metropolitana”.

 

Il Piano Strategico metropolitano fra le tre dimensioni fondamentali prevede l'inclusività quale valore fondante di un sistema che dando voce e visibilità alle peculiarità di ogni ambiente, luogo, comunità, sappia trasformare le diversità in patrimonio condiviso di tutti.

 

CONSIDERATO CHE

 

la senatrice a vita Liliana Segre è da mesi oggetto di insulti e minacce via web;

 

dopo l’istituzione della commissione parlamentare Segre, gli attacchi e le minacce nei confronti della senatrice sono aumentati tanto da far ritenere necessaria l’assegnazione della scorta alla sua persona dal COSP di Milano, presieduto dal prefetto Renato Saccone;

 

la senatrice Segre rappresenta, con la sua storia e la sua azione per tramandare la memoria della Shoah e i valori di rispetto, tolleranza e lotta alle discriminazioni, un simbolo e un esempio, tanto da indurre il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a nominarla senatrice a vita “per aver illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo sociale”;

 

 

PROPONE LA SEGUENTE RISOLUZIONE

 

ai sensi dell'art. 14 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio metropolitano, chiede che il Sindaco metropolitano si impegni a promuovere, tramite l'Ufficio di Presidenza e la Conferenza metropolitana, il riconoscimento della cittadinanza onoraria alla Senatrice Liliana Segre da parte dei Comuni e delle Unioni del territorio bolognese.

 

 

Il responsabile

dell’Ufficio stampa

(db)

 
 
 
A cura di:
Ufficio stampa
 
 

Data ultimo aggiornamento: 12-02-2020