Biblioteca 'Renzo Renzi cinema e fotografia' | Fondazione Cineteca di Bologna

piazzetta Pier Paolo Pasolini (entrata via Azzo Gardino, 65/b) - 40122 Bologna
tel 051 2194843 - fax 051 2194847
 
 
 
 
 
Tipologia
 
 
Servizi
Polo UBO-SBN
 
Chiedilo al Bibliotecario
 
 

Accesso: libero Accessibilità disabili: Accessibile

 

Apertura

Ambito tematico Umanistico ( storia, evoluzione teorica e tecnica, aspetti culturali e artistici del cinema italiano ed internazionale; in particolare teoria e tecnica del cinema, cinematografie delle diverse nazioni, soggetti, sceneggiature e testi su film, attori e registi, legislazione ed economia del cinema. Repertori e enciclopedie. Rassegne stampa )

 

Patrimonio librario  circa 46.000 volumi; 1.100 testate di riviste italiane e straniere (159 in abbonamento e 850 testate cessate), 13.000 annualità; sezione fotografica (oltre 1.500.000 fotografie); sezione arti grafiche (volumi di storia, teoria e tecnica, studi monografici e saggi su singoli artisti, cataloghi di mostre, repertori, 200.000 manifesti cinematografici), 18.000 audiovisivi

Sezioni speciali: Biblioteca del Gialli (donazione Wilma Lanzarini, oltre 3.000 romanzi e racconti gialli); Cinema e Fumetto (testi critici, riviste specializzate e serie di fumetti che hanno una stretta relazione con il cinema); Biblioteca del viaggio (della Fondazione Marilena Ferrari); sezione AudioLudica con oltre 3000 giochi

Patrimonio archivistico

 

Servizi

Spazi Sala lettura (60 posti), salette video (21 posti)
Attività Mostre, presentazione di libri, incontri con l’autore, convegni, attività con le scuole, visite guidate adulti, visite guidate scuole

 

Storia della biblioteca Denominazione storica: “Biblioteca della Cineteca comunale”. Nata nel 1967, la biblioteca trovò un suo iniziale patrimonio nei libri di cinema della biblioteca dell'Archiginnasio e in quelli che Renzo Renzi decise di mettere a disposizione della costituenda Istituzione comunale, insieme a un nutrito fondo di fotografie. La prima sede fu Palazzo Montanari, in via Galliera 8. Nel 2003 è stata inaugurata la nuova e attuale sede

Storia dell’edificio L’edificio, costruito a metà del secolo XVIII per le caldiere da seta (locali nei quali veniva sviluppato il calore necessario per dipanare i bozzoli da seta), divenne sede del macello pubblico tra il 1806 e il 1808. Rifatto nel 1883 dal Municipio, ha ospitato il macello fino al 1974. Dal 2003, nell’area ridisegnata dall’architetto Aldo Rossi, vi ha trovato sede la biblioteca “Renzo Renzi” insieme al Cinema Lumière e ai laboratori universitari del DMS

Altri istituti/enti ospitati nell’edificio Cinema Lumière e laboratori universitari del DMS

 

Bibliografia essenziale
B. ARGELLI, Non solo film, in “IBC informazioni”, n. 2, aprile-giugno 2003, pp. 58–59
A. FIACCARINI, L’Archivio Chaplin a Bologna, in “Cineteca”, n. 4, aprile 2003, pp. 29-30
S. TONI, La biblioteca cambia casa, in “Cineteca”, n. 5, maggio 2001, p. 11
M. ZEGNA, El Archivo Chaplin inventariado en la Cinemateca de Bologna, in “AGR - Colleccionistas de Cine”, año VI, n. 27, Madrid, Editorial El Gran Caíd S.L., autunno 2005, pp. 64–83