Biblioteca Istituto per la Storia e le Memorie del Novecento Parri E.-R.

via Sant'Isaia, 18 - 40123 Bologna
tel 051 3397232 - fax 051 3397272
 
 
 
 
 
Tipologia
 
 
Servizi
Polo UBO-SBN
 
 

Accesso:  libero (accesso alle sale di lettura solo per studio e ricerche sulle raccolte della biblioteca)  Accessibilità disabili:  dal civico 16/A di via Sant’Isaia, dove è disponibile un ascensore abilitato (suonare e richiedere l’intervento di un operatore)

Apertura

Patrimonio: 70.000 volumi ed opuscoli, 40 quotidiani cessati, 1729 testate di periodici di cui 124 correnti, 1450 audiovisivi e risorse elettroniche (vhs, dvd, cd, cd.rom), 200 manifesti, 675 tesi di laurea

Sezioni e fondi speciali: Fondi librari: "Garibaldini di Spagna"; "Dopolavoro Ferrovario di Bologna"; "Giorgio Vecchietti"; Laboratorio nazionale per la didattica della storia (LANDIS); Centro di documentazione storico politica sullo stragismo (CEDOST), Biblioteca Digitale

Servizi: Prestito, consultazione, catalogo ed opac, cataloghi speciali, reference, reference on-line, prestito interbibliotecario, document delivery, suggerimenti d’acquisto, riproduzioni (fotocopie, scansioni), attrezzature audio-video

Spazi: 2 sale lettura (40 posti complessivi), sala multimediale (10 posti), sala conferenze (30 posti)

Attività: Mostre, presentazione di libri e documentari, incontri con l’autore, convegni, cicli di proiezioni di film, attività con le scuole, corsi aggiornamento, visite guidate adulti, visite guidate scuole, pubblicazioni (E-Review – Rivista degli Istituti storici dell’Emilia-Romagna in Rete [on-line e cartacea], collane “Diari e Memorie del Novecento” e “Istituto Paeei” edite da Pendragon, collana sul rapporto tra Storia e televisione edita da Marsilio, altre pubblicazioni con editori e committenti diversi), conduzione di tirocinii per studenti universitari in corso e per neo laureati (di concerto con le Università di Bologna, di Ravenna, di Barcellona, di Ginevra e altre), conduzione di stage (orientamento e formazione per studenti della scuola secondaria superiore sia in corso di studi che estivi; inserimento, orientamento e formazione per utenti di servizi psichiatrici e di avviamento al lavoro per ex detenuti; formazione-lavoro), attività di studio assistito per i frequentanti le SSIS, consulenze esterne in
materia di biblioteconomia, bibliografia. Si segnala la significativa presenza di studiosi e studenti stranieri e lo scambio con altri Istituti di conservazione all’estero

 

Titolare Istituto per la Storia e le Memorie del Novecento Parri E.-R. Biblioteca collegata all'Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna

Storia della biblioteca  Sorta contestualmente alla nascita dell’Istituto nel 1963 e inizialmente denominata “Biblioteca della Resistenza” ha seguito fino all'attuale il mutare del nome dell’Istituto Parri. Alla sede di via Petroni si sono via via succedute quelle di Galleria del Leone 2 e di via Castiglione 25, fino al collocamento nell'attuale sede dell'ex Convento di San Mattia in via Sant'Isaia. La biblioteca iniziò ad assumere una dimensione di rilievo nel 1968, quando la prima raccolta di documenti venne integrata da un deposito di circa 6.000 volumi relativi alla Resistenza ed alla storia contemporanea da parte della biblioteca comunale dell’Archiginnasio, che di concerto con l’Amministrazione comunale ne affidava la conservazione all’Istituto . Nel dicembre di quell’anno, un’articolata deliberazione del Consiglio comunale – poi confermata e ampliata da successive convenzioni - stabiliva i termini del rapporto con l’Istituto ed il ruolo che a questo era attribuito, assegnandogli sede e personale. Negli anni la biblioteca è cresciuta – attraverso un'attenta politica di acquisizioni sul mercato dell’antiquariato come su quello corrente, e grazie a donazioni e depositi di fondi da enti e privati – rafforzando il proprio ruolo di biblioteca specialistica, in relazione all’attività, alle sollecitazioni della ricerca e al consolidamento dell’Istituto, ma anche di biblioteca di cultura storica generale in relazione ai compiti di divulgazione e corretta restituzione del sapere storiografico al pubblico. Entrata dal 2002 nel Polo Ubo-Sbn, è specializzata nel campo della storia contemporanea, e in particolare: I e II guerra mondiale, fascismo italiano e europeo, antifascismo, guerra di liberazione, dopoguerra, ricostruzione, Repubblica italiana, fino alla più ampia storia del Novecento per giungere ai vasti temi della contemporaneità; conserva inoltre volumi relativi alla didattica della storia, libri di testo di storia del XX secolo, tesi di laurea.

Storia dell’edificio La biblioteca ha sede nell’ex complesso conventuale di San Mattia. L’avvio della costruzione nella forma definitiva risale al 1376. Nel 1575 vennero avviati ad opera del Terribilia i lavori per l’edificazione della chiesa di San Mattia e del portico attuale, conclusi nel 1580 da Pietro Fiorini, mentre nel 1594 ebbe termine la costruzione dell’attuale campanile. L’edificio è stato oggetto di restauri nel 1799, 1826, 1920, 1960; nel 2003 ebbe inizio l’attuale restauro. L’ex convento di San Mattia, sempre destinato a monache, è sito in via Sant’Isaia. Il chiostro è in parte del XV e in parte del XVI sec. Dopo la soppressione dell’ordine e la secolarizzazione del convento ad opera di Napoleone, nel 1799 l’ala sud fu trasformata in elegante abitazione; in seguito parte dell’immobile passò al Comune, che vi insediò alcuni istituti scolastici 

Altri istituti/enti ospitati nell’edificio I locali sono assegnati all’Istituto e ai suoi diversi settori di attività: l'Archivio (oggi comprendente anche l' Archivio storico della nuova sinistra “Marco Pezzi”, Home Movies Archivio nazionale del film di famiglia e la sezione Audiovisivi “G. Bernagozzi”), il Museo della Resistenza di Bologna, la sezione Didattica. Dal 2013 nell'Istituto si sono fusi con il proprio patrimonio anche l'ISREBO Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna, il LANDIS Laboratorio nazionale per la didattica della storia, il CEDOST Centro di documentazione storico politica su stragismo, terrorismo e violenza politica.  Il complesso conventuale di San mattia ospita anche l’Organismo di mediazione dell’Ordine degli Avvocati di Bologna, la Scuola elementare “Manzolini” con il Museo didattico scientifico Luigi Bombicci, la Scuola materna Cà Selvatica, La Biblioteca dei Bambini.

 

Bibliografia essenziale
ISTITUTO NAZIONALE PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE IN ITALIA, ISTITUTI  ASSOCIATI, Resistenza e storia d’Italia, quarant’anni di vita dell’Istituto Nazionale e degli Istituti associati, Annuario 1949–1989, Milano, Franco Angeli, 1993
Legge 16 gennaio 1967, n. 3 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 26 gennaio 1967, n. 22)
L.R. 31 gennaio 1977 n° 7
ISTITUTO REGIONALE “FERRUCCIO PARRI, Catalogo dei periodici della Biblioteca, Bologna, 1993