Biblioteca Fondazione Istituto Liszt

via Augusto Righi, 30 - 40126 Bologna
tel+fax 051 220569
 
 
 
 
 
Tipologia
 
 
Servizi
Polo UBO-SBN
 
 

Accesso libero (su appuntamento) 

Apertura

lunedì, giovedì e venerdì ore 16-19

 

Patrimonio La biblioteca è composta da due nuclei principali. La Sezione Liszt comprende Studi (scritti di Liszt, biografie, epistolari, studi, articoli e studi sulle fonti relativi a Liszt), Periodici, Partiture, Discoteca (integrale delle composizioni di Liszt per pianoforte incisa da Leslie Howard, incisioni di altre opere di Liszt e compositori coevi). Catalogazione informatica dell'epistolario. La Sezione Generale comprende Pianoforte (studi su storia, costruzione e restauro del pianoforte), Partiture (musiche di compositori vicini a Liszt, Storia della musica (storie generali o dell’800)

 

Titolare Fondazione Istituto Liszt 

Storia dell'ente L’Istituto Liszt, fondato nel 1997 e divenuto Fondazione Onlus nel 2010 ha come fine istituzionale la promozione e la diffusione dell’opera di Franz Liszt sia nel campo della ricerca musicologica sia in quello dell’interpretazione. La biblioteca dell’Istituto è tra le più ricche in Italia su Liszt: primo compito della Fondazione è infatto quello di reperire materiale (manoscritti, partiture, libri e articoli inerenti la figura di Liszt e dei suoi contemporanei (autografi lisztiani;  più di 6000 titoli tra libri, articoli e partiture con  diverse prime edizioni a stampa delle opere di Liszt). La ricerca musicologica viene promossa attraverso la pubblicazione  dei Quaderni dell’Istituto Liszt, rivista musicologica in diverse lingue sull’opera e la vita di Liszt, e della collana Rarità lisztiane, partiture che offrono a esecutori e studiosi la possibilità di conoscere brani di Liszt non reperibili in corrette edizioni moderne o nuovi ritrovamenti di opere sconosciute o ritenute disperse. All’attività di edizione si aggiunge,  il Premio Liszt: concorso musicologico biennale per la miglior ricerca su Liszt; la Fondazione offre inoltre il proprio patrocinio -  in particolare sotto l’aspetto della collaborazione scientifica storico-musicologica – a importanti manifestazioni internazionali concernenti la vita e l’opera di Liszt.

Il secondo compito della Fondazione consiste nell’offrire al pubblico una stagione concertistica da ottobre a maggio con la formula del Salotto musicale di stampo ottocentesco e della Conferenza-concerto, con programmi  frutto di ricerche storiografiche tesi ad approfondire non solo la produzione lisztiana ma anche quella dei personaggi coevi con interpretazioni di opere spesso trascurate nel repertorio concertistico tradizionale e da prospettive in qualche modo innovative. L’Istituto dispone inoltre di una foresteria a disposizione, per periodi limitati, di artisti e studiosi che svolgono ricerche su Liszt.