Biblioteca Comunale 'Giulio Cesare Croce'

piazza Garibaldi, 7 - 40017 San Giovanni in Persiceto (BO)
tel 051 6812961 - fax 051 827017
 
 
 
 
 
Tipologia
 
 
Servizi
Polo UBO-SBN
 
MLOL Biblioteca digitale metropolitana
 
 

Accesso libero Accesso disabili rampa e ascensore
Apertura

  • invernale lunedì, martedì, giovedì e venerdì 14-19 (8-13 solo accesso sala studio per studenti universitari); mercoledì e sabato 8.30-13
  • estiva da lunedì a sabato 8.30-13
  • periodo di chiusura agosto (parziale)

Patrimonio 217.000 volumi e opuscoli, 12 quotidiani attivi, 67 quotidiani spenti, 452 periodici attivi (di cui 63 in abbonamento), 7.935 periodici spenti, 991 libri antichi (di cui 49 cinquecentine), 3.170 audiovisivi e risorse elettroniche (vhs, dvd, cd, cd-rom, dischi, audiocassette, nastri), altri non-book materials (fototeca, cartografia, musica a stampa, cartoline, diapositive, manifesti), altri documenti
(letteratura grigia, 94 tesi di laurea), materiale museale (1 strumento musicale, 1 strumento scientifico, 148 medaglie, 15 quadri, 4 busti, 40 fucili della Guardia civica di San Giovanni in Persiceto)
Sezioni e fondi speciali

  • fondo documentario “Il Giornale d’Italia”, che comprende: la biblioteca personale del sen. Alberto Bergamini (6.675 volumi e 2.025 opuscoli sciolti prevalentemente letteratura italiana e francese, storia, memorialistica), la collezione completa de Il Giornale d’Italia (3.193 volumi de Il Giornale d’Italia 1901-1976; Il Piccolo Giornale d’Italia 1912-1944 con lac.; Il Giornale d’Italia agricolo 1920-1975 con lac.; Il Giornale d’Italia della Domenica 1931-1934 e 1954- 1959), l’archivio redazionale de Il Giornale d’Italia (che conserva centinaia di migliaia di fotografie in bianco e nero dagli anni Venti alla chiusura della testata nel 1976, oltre a negativi, clichés, ritagli di giornale, opuscoli, riviste; archiviato ordinatamente in “serie” e rintracciabile tramite la schedatura originale del fondo, effettuata dagli archivisti del giornale e recentemente riordinata), il carteggio "Bergamini" (3.709 lettere di amici, scrittori e uomini politici, tra le altre quelle di Sidney Sonnino); manoscritti, carte varie, medaglie; la biblioteca Croce possiede inoltre tesi di laurea, libri e altri scritti riguardanti Bergamini e Il Giornale d’Italia
  • fondo “Raffaele Pettazzoni”, che costituisce la più ampia raccolta mondiale degli scritti di e sullo storico delle religioni Raffaele Pettazzoni (1883-1959): fondo librario (2.044 volumi e 3.307 opuscoli; comprende pubblicazioni delle varie discipline storiche, classici antichi e moderni, italiani e stranieri, ma anche saggistica politica e varia: tra gli altri sono presenti alcuni rarissimi testi di studi storico-religiosi), manoscritti (56 buste), carteggio (34 buste); inoltre la biblioteca Croce possiede una ricca e curata collezione degli scritti dei suoi allievi raccolti attorno alla Scuola romana di studi storicoreligiosi (Ernesto De Martino, Angelo Brelich, Vittorio Lanternari, Ugo Bianchi e altri)
  • autografoteca "Reduci dalle Patrie Battaglie" (600 documenti)
  • altri carteggi: “Gherardo Forni” (3.000 lettere), “Bortolotti” (1.902 lettere), vari (492 lettere) 
  • manoscritti (secc. XVII-XX); si segnalano: “Giovanni Forni”, “Oreste Lodini”, “Giorgio Perazzo”, “Gherardo Forni”, “Alberto Bergamini”, “Raffaele Pettazzoni”, “Filippo Tabellini”
  • collezioni fotografiche: “Uomini illustri italiani ed esteri” (raccolta intrapresa da Ciro Dante Ugolini, presidente della locale Società dei Reduci dalle Patrie Battaglie dal 1887 al 1901: 181 foto-ritratto di uomini del Risorgimento, politici e militari del Regno d’Italia, noti personaggi stranieri, in gran parte con firma e dedica, suddivise in due album fotografici esposti alla Mostra Nazionale del Risorgimento tenutasi a Roma nel 1911; l’arco cronologico coperto va dal 1862 all’inizio del sec. XX); “Raccolta locale” (5.000 foto circa riguardanti il territorio persicetano a partire dagli ultimi decenni dell’Ottocento); fondo “Santino Salardi (1920-1980)” (1150 lastre del fotografo persicetano, anni Venti-Trenta)
  • fondo antico (49 cinquecentine, 149 seicentine, 793 settecentine) 
  • sezione locale rara (400 volumi)
  • emeroteca (raccolta di riviste storiche, di scienze dell’educazione e di scienze etnoantropologiche; collezione di riviste locali, della provincia e della regione; di circa un centinaio di esse, le raccolte sono complete; alcune testate sono rare)
  • altri fondi librari: “Gherardo Forni” (6.700 volumi e 2.978 opuscoli di medicina, chirurgia e varie, sec. XX); “Giovanni Forni” (438 voll., 283 op. di storia e letteratura, secc. XVI-XX); “Alberto Candini” (2.030 voll. ed op. di storia contemporanea, politica, letteratura); “Francesco Bignardi” (353 voll. di storia, diritto tributario, statistica, politica, sec. XX); “Ugo Pizzoli” (circa 300 unità bibliografiche di medicina, pedagogia, psicologia, sec. XIX-XX); “Tartaglia” (488 voll. di geometria, costruzioni, elettrotecnica, scienze naturali, fisiche e matematiche, sec. XX); “Luciano Mazzaferro” (400 voll. di  arte, sec. XX); “Giuseppe Vecchi” (400 voll. di musicologia);“Giorgio Cotti” (2.500 voll. di letteratura e saggistica contemporanea, medicina sec. XX); Don Manete Tomesani” (500 voll. di storia e memorialistica, sec. XX) ; “Giorgio Perazzo” (688 voll. di chirurgia); "Biblioteca storica dei Dipendenti della Cassa di Risparmio di Bologna" (circa 15.000 voll. in corso d’inventariazione); “Raffaele Cocchi” (715 voll., specie in lingua inglese)
  • fondi archivistici: archivio familiare “Giovanni Forni” (donato dagli eredi, l’archivio dello storico locale comprende 50.000 documenti a mano e a stampa dal secolo XIV al XX) 

Servizi Prestito (ai residenti Associazione intercomunale Terred’Acqua; orario invernale: lunedì, martedì, giovedì e venerdì ore 13-19; mercoledì e sabato, ore 8.30-13; orario estivo: da lunedì a sabato 8.30-13), consultazione, catalogo ed opac, cataloghi speciali, reference, reference on-line, 11 postazioni internet per il pubblico (17 le postazioni complessive), prestito interbibliotecario nazionale e internazionale, document delivery, suggerimenti d’acquisto, riproduzioni (fotocopie, scansioni), attrezzature audio-video

Spazi 2 sale di lettura (80 posti), laboratorio di informatica (12 posti), sala conferenze, sala mostre

Attività Mostre, presentazione di libri, incontri con l’autore, convegni, attività con le scuole, visite guidate adulti, visite guidate scuole, pubblicazioni (dal 1968 la biblioteca pubblica la rivista culturale semestrale “Strada Maestra”, che ospita prevalentemente scritti di storia e di attualità riguardanti il territorio persicetano e rassegne bibliografiche relative ai fondi conservati nella biblioteca; diretta da Mario Gandini, si avvale di collaboratori di ambito universitario e locale)

 

Titolare Comune di San Giovanni in Persiceto
Storia della biblioteca La biblioteca fu costituita nel 1852 con un piccolo fondo ex-conventuale e pochi altri libri di vario argomento, ai quali si aggiunse in seguito un notevole numero di opere storiche, politiche, letterarie e giuridiche (donazione Ulisse Maccaferri). Venne ordinata sommariamente nel 1907, ma solo dal 1952 fu avviato un piano di riordino del materiale e si cominciò ad incrementare il patrimonio bibliografico mediante l’acquisizione di nuovi libri e di donazioni da parte di enti e di istituti vari. Intitolata nel 1955 a Giulio Cesare Croce, nel 1959 fu trasferita nel settecentesco Palazzo SS. Salvatore. Negli anni Sessanta la “Croce” acquisì in donazione le biblioteche del sen. Alberto Bergamini, del notaio Giovanni Forni, del prof. Gherardo Forni, di don Manete
Tomesani e in tempi successivi i fondi "Pettazzoni", "Perazzo" e altri minori, “Il Giornale d’Italia” e il relativo archivio redazionale. La sezione ragazzi è ubicata al piano terra dell’edificio storico, la sezione adulti ai piani primo, secondo e terzo. Oggi è parte dell'Istituzione "C. Zavattini"

Storia dell’edificio Palazzo SS. Salvatore, progettato nel 1734 dall’architetto bolognese Giuseppe Civoli (1705-1778), fu edificato dal 1737 al 1768 sull’area occupata un tempo dalla rocca medievale, demolita nel XVI secolo. Destinato inizialmente dalla Comunità locale a nuovo ospedale per i poveri infermi, nel 1958 fu destinato in parte a sede della biblioteca comunale “Giulio Cesare Croce”. Gli ambienti della biblioteca al primo piano ospitano alcuni dipinti di scuola bolognese, di proprietà comunale, tra cui si segnala la Caduta di San Paolo da cavallo, attribuita a Giuseppe Maria Crespi (1665-1747)

Altri istituti/enti ospitati nell’edificio Archivio storico comunale

 

Bibliografia essenziale
La bibliografia sulla biblioteca G.C.Croce e sui suoi fondi è contenuta nel Catalogo delle Biblioteche d’Italia. Emilia-Romagna, [a cura di] Regione Emilia-Romagna, Istituto per i beni artistici culturali e naturali, Soprintendenza per i beni librari e documentari, Roma, ICCU; Milano, Bibliografica, 2003, vol. I; numerosi contributi sono reperibili nel periodico “Strada Maestra. Quaderni della Biblioteca G.C. Croce”, specie a firma di M. GANDINI

Inoltre, su specifici fondi:
P. PANCALDI, L’archivio redazionale de “Il Giornale d’Italia” nella Biblioteca comunale “G.C. Croce” di San Giovanni in Persiceto, in “Strada Maestra”, n. 30 (1991), pp. 179-193

M. ABBATI E M.M. PLAZZI, I cataloghi dell’archivio redazionale de “Il Giornale d’Italia”, in “Strada Maestra” nn. 38-39 (1995), pp. 393-412 www.ibc.regione.emilia-romagna.it/soprintendenza/grafe/giornalecon.htm
M. GANDINI, Alberto Bergamini giornalista e uomo politico, in “Strada Maestra” n. 4 (1971), pp. 1-230

Immagini dal Giornale d’Italia (1923-1960). Dall’archivio fotografico di un quotidiano tra fascismo e repubblica, catalogo a cura di M.S. Piretti, Bologna, Grafis, 1996

Su R. Pettazzoni, si vedano i contributi di M. Gandini in “Strada Maestra” dal n. 1 (1968) ad oggi

R. ARIULI, Ritratti fotografici a cavallo tra XIX e XX secolo. Uomini del Risorgimento, politici e militari del Regno d’Italia, in “Strada Maestra” n. 50 (2001) e n. 54 (2003)

Tutti in posa per Santino Salardi. Fotografie a Persiceto, 1920-1940, a cura di Italo Zannier, testi di Mario Gandini e Italo Zannier. San Giovanni in Persiceto, 1988

L’occhio di Santino, a cura di Giovanni Martini, San Giovanni in Persiceto 2006

Le carte dell’archivio Giovanni Forni, inventario a cura di Gloria Serrazanetti, voll. 2., San Giovanni in Persiceto, Tipografia ‘Il Torchio’, 1992-1993

Sui dipinti di scuola bolognese, conservati nella Quadreria Civica allestita nei locali al primo piano della biblioteca, si veda: Il Museo d’Arte Sacra e la Quadreria Civica di San Giovanni in Persiceto, a cura di Andrea G. De Marchi con la collaborazione di Patrizia Cremonini, Bologna, 2008