Innovazione, torna il bando "Incredibol!": contributi alle imprese startup e under 40

Una sezione è dedicata al ricordo del dipendente della Città metropolitana Antonio Barresi

Foto da pagina Facebook di "Bologna Città della Musica UNESCO"
 

E' giunto alla VI edizione il bando Incredibol! - l'INnovazione CREativa DI BOLogna, dedicato alle imprese culturali e creative dell'Emilia-Romagna in fase di startup e under 40. Il bando quest'anno prevede una sezione tematica riservata a progetti d'impresa in ambito musicale, in coerenza con gli obiettivi di Bologna Città della Musica UNESCO.
Incredibol! mette a disposizione contributi a fondo perduto fino a 10.000 euro ciascuno per avviare o consolidare la propria attività, spazi in comodato gratuito, formazione, consulenze e promozione su misura per ogni vincitore.
Possono partecipare associazioni, neo-imprese e professionisti del settore culturale e creativo dell'Emilia-Romagna attivi da non più di 4 anni, con una prevalenza di under 40, presentando il proprio progetto d’impresa. Il bando, coordinato dal Comune in collaborazione con un’ampia rete di partner pubblici e privati e co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, è aperto a tutta la regione. Le domande vanno inviate entro il 30 ottobre prossimo.
Anche quest'anno ci sarà la sezione "Antonio Barresi - Città metropolitana di Bologna": saranno assegnate due menzioni speciali “Antonio Barresi” da 3.000 € ciascuna, istituite dalla Città metropolitana di Bologna in ricordo del responsabile di ‘Progetti d’impresa’, che ha creduto nel progetto Incredibol! fin dalla sua nascita.
I finanziamenti sono riservati ai soggetti meglio classificati in graduatoria, limitatamente a imprese o liberi professionisti con sede legale o operativa nell’area metropolitana, che si occupino di progetti in ambito turistico capaci di contribuire all’innovazione sociale del territorio metropolitano, valorizzando quest’ultimo e le sue capacità artistiche, culturali, ambientali ed enogastronomiche, e sostenibili dal punto di vista economico o di diffondere su dimensioni internazionali i fattori distintivi del ‘sistema Bologna’, incentrati sulla cultura materiale, per le produzioni in ambito culturale e creativo, con particolare riferimento ai settori della moda, del design e dell’high tech.

I dettagli del bando"Torna “Incredibol!” e cresce" - Comune di Bologna

 

I passati vincitori del premio Barresi hanno così ricordato la loro esperienza:
"Il 2017 è stato per noi un anno all’insegna delle sfide! - ha detto Elena Bettazzoni di SCRIBO - La più grande, senza alcun dubbio, è stata la decisione di costituire una nuova realtà imprenditoriale e fondare la SCRIBO - Scrittura Bolognese. Sebbene ogni sfida porti con sé incertezze, ansie e paura di non riuscire a raggiungere gli obiettivi, la nostra passione, le nostre motivazioni e l’esperienza decennale maturata nel nostro settore ci hanno spinti a continuare a credere nel nostro lavoro e dare continuità a un percorso già precedentemente intrapreso.
Il premio della Città metropolitana, attraverso il riconoscimento della sezione "Antonio Barresi", ha rappresentato moltissimo per noi. Non solo da un punto di vista economico, ma ancor di più per gli aspetti positivi legati al giudizio del nostro progetto. Sapere che i valori rappresentati da questo premio ci vengono in qualche modo trasmessi ci rende orgogliosi, ci responsabilizza e ci spinge a onorare al meglio la memoria del dott. Barresi.
Al momento siamo in produzione su diversi fronti: da una parte stiamo lavorando all’uscita del nostro primo prodotto a marchio SCRIBO, una stilografica in edizione limitata dedicata alla storia della letteratura, dall’altra stiamo realizzando un paio di collezioni di strumenti di scrittura a marchio di terzi per il mercato inglese e per il mercato svizzero. Stiamo inoltre organizzando il primo corso di calligrafia e di introduzione all’utilizzo degli strumenti di scrittura stilografici con un esperto calligrafo e storico della scrittura".

Marco Frullanti, vincitore del bando Incredibol e premio Barresi edizione 2016 con il progetto Nativi Digitali ha ricordato: "La sfida più grande, dopo la vittoria del premio Antonio Barresi, è stata quella di gestire per la prima volta un vero e proprio team al lavoro su un progetto complesso e ambizioso: delegare mansioni specifiche ai collaboratori e coordinare attività gestite da persone diverse è meno facile di quanto si possa pensare, ma allo stesso tempo molto motivante.
A ottobre lanceremo la versione "demo" della Visual Novel su cui siamo al lavoro da circa un anno, promuovendola con specifiche iniziative online e sul territorio, ed entro la fine dell'anno contiamo di distribuire anche la versione in lingua inglese per aprirci al mercato internazionale".

 

 
 

A cura di Ufficio stampa

Data ultimo aggiornamento: 20-09-2017