Domenica brillamento di un ordigno bellico ritrovato in via La Bastia a Bologna

Coinvolti i Comuni di Bologna, San Lazzaro e Pianoro. Tutte le indicazioni per i 1.873 cittadini interessati

Fonte: Esercito Italiano

Fonte: Esercito Italiano

 

Domenica 7 maggio sono previste le operazioni di disinnesco di un ordigno bellico rinvenuto in via La Bastia (quartiere Savena a Bologna), nelle vicinanze della tratta RFI dell'Alta Velocità Bologna-Firenze. L'ordigno è stato rinvenuto occasionalmente all'interno di un cantiere edile durante i lavori di realizzazione della bretella Rastignano SP65.
La zona interessata comprende i Comuni di Bologna, San Lazzaro di Savena e (più marginalmente) Pianoro.

Tutta la popolazione presente a qualsiasi titolo nella zona di pericolo dovrà allontanarsi entro le ore 8 e fino al termine delle operazioni, così come dovranno cessare tutte le attività produttive di qualsivoglia natura presenti in zona.
Dalle 8 sarà vietata anche la circolazione veicolare e pedonale nella zona interessata compresi mezzi pubblici e taxi.

Per Bologna le vie interessate sono: Ardigò, La Bastia, vicolo del Bosco, Bosi, Buvalelli, Campanella, Canonici, Franchetti, Di Jola, Marenzio, Monte Donato, Della Palma, Pavese, Da Anzola, Del Pozzo, Rosmini, San Ruffillo, Telesio, Toscana. I numeri civici interessati sono indicati nell'ordinanza.

Per San Lazzaro di Savena sono interessati queste vie e numeri civici: via nazionale Toscana 1, 3, 4, 4/C, 6, 6/A, 6/B, 6/C, 6/D, 8/A, 8/B; via Benassi Renato 77, 77/A, 77 / B, 156, 158, 160; via Madre Teresa di Calcutta 8 e 10; via Palazza 2; via Croara 26; via Madonna dei Boschi 1.

Per Pianoro non vi sono abitazioni interessate ma solo modifiche alla viabilità in direzione Bologna: sarà vietata la circolazione veicolare e pedonale sulla Futa in direzione Bologna, e viceversa, per tutta la durata delle operazioni di disinnesco dalle ore 8 e fino a cessate esigenze.

I residenti interessati al provvedimento sono complessivamente 1.873.

Per i 1.677 cittadini residenti a Bologna sarà allestito un punto di accoglienza accessibile dalle 7, fino a cessate esigenze, presso Villa Mazzacorati, in via Toscana 19. Il punto di accoglienza potrà ospitare animali da affezione. È inoltre prevista l'attivazione di un presidio sanitario per persone che necessitano di particolare assistenza presso il Centro Servizi Giovanni XXIII, in viale Roma, 21.

Il centro di raccolta per i 196 cittadini di San Lazzaro coinvolti sarà l'ARCI San Lazzaro in Via Bellaria 7 aperto dalle ore 8 fino a dichiarazione della conclusione delle operazioni di messa in sicurezza con rientro alle abitazioni. Per coloro che dovessero avere bisogno di trasporto, sarà predisposto un servizio di navetta. I residenti di San Lazzaro di Savena che forniranno il numero di cellulare saranno avvisati preventivamente e a lavori terminati, attraverso il sistema di allertamento sms.

Per tutta la giornata di domenica saranno operativi personale della Polizia Municipale dei comuni interessati, della Polizia provinciale della Città metropolitana e volontari della Protezione Civile.

Tutti i dettagli relativi ai comuni coinvolti: BolognaSan Lazzaro di SavenaPianoro

 

 
 

A cura di Ufficio stampa

Data ultimo aggiornamento: 08-05-2017