salta ai contenuti

lavoro

 

Nuovi ammortizzatori sociali

NASpI  -  Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego
ASDI -  Assegno di disoccupazione
DIS-COLL - Indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata

 

 
NASpI - Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego

Che cos'è la NASpI

È stata introdotta con Decreto Legislativo 4 marzo 2015, n.22, allo scopo di fornire un sostegno al reddito dei lavoratori dipendenti che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione.

Si applica agli eventi di disoccupazione verificatisi dal 1° maggio 2015 e da tale data sostituisce le indennità di disoccupazione non agricole Aspi e mini-Aspi.

 

Destinatari

Sono destinatari della NASPI i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti e i soci di cooperativa con contratto di lavoro subordinato, che abbiano perso involontariamente il posto di lavoro.

Per i lavoratori agricoli si applicano le norme speciali in materia di disoccupazione agricola.

 

Requisiti

Per ottenere la NASPI sono necessari i seguenti requisiti:

  • aver maturato almeno tredici settimane di contribuzione nei quattro anni precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione
  • avere almeno trenta giornate di lavoro effettivo nei dodici mesi precedenti l'inizio del periodo di disoccupazione
  • essere in stato di disoccupazione: la domanda di Naspi, presentata all'Inps anche per il tramite di un patronato, vale come dichiarazione d’immediata disponibilità al lavoro

 

Domanda

Occorre presentare apposita domanda all'Inps entro due mesi dalla data di spettanza del trattamento: la data di spettanza del trattamento è l'ottavo giorno successivo alla cessazione del rapporto di lavoro.

La domanda va presentata on line sul sito INPS attraverso il servizio dedicato, oppure tramite Patronato o tramite Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile.

 

Importo

L'indennità mensile è pari al 75% della retribuzione mensile se la retribuzione mensile nel 2015 non supera i 1195 euro, rivalutati annualmente. Se la retribuzione supera i 1195 euro l'indennità è incrementata del 25% sulla differenza fra tale importo di 1195 euro e la retribuzione mensile. Non può in ogni caso superare il massimale di 1300 euro mensili nel 2015, annualmente rivalutato. Viene ridotta del 3 per cento ogni mese, a decorrere dal quarto mese di fruizione.

 

Durata

Un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni, detratti i periodi di contribuzione che hanno già dato luogo a prestazioni di disoccupazione.

 

 

Compatibilità con lo svolgimento di attività lavorativa

  • se il reddito da lavoro dipendente supera il reddito minimo escluso da imposizione fiscale l'indennità decade, salvo il caso che la durata del rapporto di lavoro non superi i sei mesi: in questo caso la prestazione viene sospesa d'ufficio per la durata del rapporto di lavoro
  • se il reddito da lavoro dipendente non supera il reddito minimo escluso da imposizione fiscale si conserva il diritto alla prestazione che viene ridotta di un importo pari all' 80 per cento del reddito previsto : il lavoratore deve comunicare all'Inps il reddito annuo previsto, entro trenta giorni dall'inizio dell'attività
  • in caso di attività lavorativa in forma autonoma, se il reddito da lavoro corrisponde a una imposta lorda pari o inferiore alle detrazioni spettanti, il lavoratore deve informare l'Inps entro un mese dall'inizio dell'attività, l'Inps provvede a ridurre l'indennità di un importo pari all' 80% del reddito da lavoro preventivato

 

Decadenza

Il lavoratore decade dalla NASPI nei seguenti casi:

  • perdita dello stato di disoccupazione, salvo i casi di compatibilità con l'attività lavorativa
  • inizio di una attività lavorativa subordinata o autonoma senza le previste comunicazioni all'Inps
  • raggiungimento dei requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato
  • diritto all'assegno di invalidità, fatta salva la possibilità di optare per la NaspI

Inoltre l'erogazione è condizionata:

  • alla regolare partecipazione alle iniziative di attivazione lavorativa nonché ai percorsi di riqualificazione professionale proposti dai Servizi per il lavoro competenti
 
ASDI - Assegno di disoccupazione

E' istituito a decorrere dal 1° maggio 2015, in via sperimentale.

Ha la funzione di fornire un sostegno al reddito ai lavoratori privi di occupazione che hanno esaurito la NASPI e si trovino in una condizione economica di bisogno.

 

Requisiti - l'ASDI è concesso, nei limiti delle risorse disponibili, alle persone che si trovano nelle seguenti condizioni:

  • abbiano fruito della Naspi per la sua durata massima
  • siano ancora in stato di disoccupazione, ovvero svolgano attività lavorativa da cui derivi un reddito annuo inferiore al reddito minimo escluso da imposizione fiscale
  • abbiano almeno un minore di 18 anni nel proprio nucleo familiare o abbiano almeno 55 anni di età senza avere maturato i requisiti per il pensionamento
  • siano in possesso di attestazione ISEE in corso di validità con valore non superiore a 5000 euro
  • abbiano sottoscritto un progetto personalizzato di presa in carico con i competenti servizi per l'impiego

Durata: massimo sei mesi

 

Importo: 75 per cento dell'ultima indennità NASPI e comunque non superiore all'assegno sociale, è incrementato per eventuali carichi familiari

La domanda di ASDI deve essere presentata all'Inps esclusivamente in via telematica, anche per il tramite di un Patronato, entro 30 giorni dal termine di fruizione della NASPI. Il sostegno economico non potrà essere erogato esaurite le risorse dello specifico Fondo.

 
DIS-COLL Indennità per i collaboratori coordinati e continuativi disoccupati

E' riconosciuta una indennità di disoccupazione mensile ai collaboratori coordinati e continuativi anche a progetto,iscritti in via esclusiva alla Gestione separata, non pensionati e privi di partita IVA.Dal 1° luglio 2017 anche agli assegnisti e dottorandi di ricerca con borsa di studio.

 

Sono richiesti i seguenti requisiti:

  • stato di disoccupazione - la domanda di Dis-Coll presentata all'Inps vale come dichiarazione d’immediata disponibilità al lavoro
  • almeno tre mesi di contribuzione nel periodo compreso fra il 1° gennaio dell'anno precedente e la cessazione del lavoro
  • almeno un mese di contribuzione nell'anno solare di cessazione del lavoro (questo requisito è stato abrogato a partire dal 2016)

 

Per informazioni

Contattare il numero verde dell’INPS 803 164 o visitare il sito www.inps.it o il portale www.anpal.gov.it


Data ultimo aggiornamento: 21-08-2017

Città metropolitana di Bologna

Via Zamboni, 13 40126 Bologna - Centralino 051 659 8111 - Codice fiscale/Partita IVA 03428581205
e-mail: urp@cittametropolitana.bo.it - Posta certificata: cm.bo@cert.cittametropolitana.bo.it

 
 
torna ai contenuti torna all'inizio