salta ai contenuti

Europa

 

Europa

L'Ufficio Europa nasce nel 1994, con la vecchia denominazione di "Ufficio Progetti Europei", dall'esigenza di fornire un supporto utile non solo agli Assessorati della nostra amministrazione ma anche agli Enti locali del nostro Territorio.

In anni passati la Provincia di Bologna aderì anche al progetto regionale denominato "Antenne Europa" coordinato da ANCI ed UPI, per realizzare una rete di operatori che lavorano negli Uffici Europa, Uffici Politiche Comunitarie, uffici di Cooperazione Internazionale e Punti Europa e rafforzare il suo impegno sul tema.

 

Con i numerosi ed importanti cambiamenti sopraggiunti, l'obiettivo di informare sia in merito alle opportunità di finanziamento europee che alle principali Istituzioni Comunitarie è però rimasto immutato .  

Il sito tematico Europa auspica di garantire una divulgazione efficace di informazioni per favorire la partecipazione del nostro territorio alle opportunità di finanziamento europee.

 
Notizie

Pacchetto infrazioni di febbraio: decisioni principali

Con le decisioni sui casi d'infrazione adottate questo mese, la Commissione europea avvia varie azioni legali nei confronti di alcuni Stati membri per inadempimento degli obblighi previsti dal diritto dell'UE. Le decisioni qui esposte, relative a molti settori, mirano a garantire la corretta applicazione del diritto dell'UE a favore dei cittadini e delle imprese.

La Commissione ha adottato oggi 276 decisioni, compresi 44 pareri motivati e 9 deferimenti alla Corte di giustizia dell'Unione europea. La Commissione procede inoltre ad archiviare alcuni casi in cui i problemi con gli Stati membri interessati sono stati risolti senza necessità per la Commissione di proseguire oltre nel procedimento.

 

La Commissione europea deferisce l'Italia alla Corte di giustizia per il mancato recupero dei prelievi dovuti dai produttori di latte italiani

La Commissione ha deciso oggi di deferire l'Italia alla Corte di giustizia dell'Unione europea per non aver assolto adeguatamente al proprio compito di gestione del recupero dei prelievi per la sovrapproduzione di latte. I prelievi devono essere versati dai singoli produttori che hanno superato le quote latte individuali.

Ogni anno, dal 1995 al 2009, l'Italia ha superato la quota nazionale e lo Stato italiano ha versato alla Commissione gli importi del prelievo supplementare dovuti per il periodo in questione (2 305 miliardi di EUR). Tuttavia, nonostante le ripetute richieste della Commissione, risulta evidente che le autorità italiane non hanno preso le misure opportune per recuperare il prelievo dovuto dai singoli produttori e caseifici. Ciò compromette il regime delle quote e crea distorsioni della concorrenza nei confronti dei produttori che hanno rispettato le quote e di quelli che hanno preso provvedimenti per pagare gli importi individuali del prelievo supplementare. Come sottolineato dalla Corte dei conti italiana, questa situazione è iniqua anche nei confronti dei contribuenti italiani.

 
   2  3  4  5  6  7  8  9  10   Successive  
Appuntamenti

Aiuti di Stato: formazione

Roma, 2 e 3 marzo 2015

Si apre a Roma il primo ciclo formativo avanzato, a livello nazionale, in materia di aiuti di Stato. L'iniziativa è promossa in attuazione dell'Accordo di partenariato 2014-2020 con la Commissione europea, adottato il 29 ottobre 2014, che prevede programmi formativi rivolti alle amministrazioni pubbliche in materia di aiuti di Stato.

 

I lavori si svolgeranno presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio (Via S. Maria, 37) il 2 e il 3 marzo dalle ore 9,30 alle ore 17,30.

 

Le Amministrazioni interessate a partecipare devono inviare i nominativi dei dirigenti e funzionari designati all'indirizzo m.coda@governo.it entro il 25 febbraio 2014. Allo stesso indirizzo, ma entro il 23 febbraio, le stesse Amministrazioni possono inviare una richiesta se sono invece interessate a partecipare in videoconferenza.

 

World Finance Forum 2015

Milano, 5 marzo 2015

 

Si terrà presso l'Aula Magna dell'Università Cattolica un convegno che vedrà  la partecipazione di protagonisti e studiosi delle trasformazioni in corso nel mondo globalizzato.

 

In uno scenario in forte evoluzione spinto anche dall’incessante progresso tecnologico, è importante comprendere quali iniziative concrete e strumenti si stanno avviando per creare un’Europa integrata e competitiva.
Per questo motivo si è deciso di organizzare un appuntamento che vede la partecipazione di esponenti istituzionali, associazioni di categoria, imprenditori e aziende del settore economico finanziario e istituti di credito.

 

   2  3   
Contatti:

A. Tiziana De Nittis
Città Metropolitana di Bologna

Settore - Sviluppo Economico e

Settore - Servizi alla persona e alla comunità
Via Bendetto XIV, n. 3 - IIIp. st.5 - 40125 Bologna
Tel. 051 659 8539 / Fax. 051 659 8606
email: apolloniatiziana.denittis@cittametropolitana.bo.it
Skype: tdenittis

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Città metropolitana di Bologna

Via Zamboni, 13 40126 Bologna - Centralino 051 659 8111 - Codice fiscale/Partita IVA 03428581205
e-mail: urp@cittametropolitana.bo.it - Posta certificata: cm.bo@cert.cittametropolitana.bo.it

 
torna ai contenuti torna all'inizio